Passa ai contenuti principali

Schiavitù nel Mondo. Rapporto 2013


Nel mondo ci sono 30 milioni di schiavi, e quasi la metà sono tra l'India e la Cina. Lo rivela il primo "Indice della schiavitù mondiale", compilato dalla fondazione per i diritti umani australiana "Walk Free". L'Italia è il Paese dell'Europa centro-occidentale con il rischio più alto.

Nel mondo sono 29,8 milioni, di cui quasi ottomila in Italia, le persone che vivono in condizioni di "moderna schiavitù'', una condizione che comprende fenomeni come il lavoro forzato e la tratta degli esseri umani.

Diritti umani violati.
Si tratta di persone che subiscono pratiche di tipo schiavistico come la servitù per debito, il matrimonio forzato, la vendita e lo sfruttamento dei bambini, il traffico di umani e il lavoro forzato. Rispetto al numero di casi in assoluto, dopo l'India ci sono la Cina (quasi 3 milioni), il Pakistan, la Nigeria, l'Etiopia, la Russia, la Thailandia, il Congo, il Birmania e il BangladeshIn base alla percentuale sulla popolazione, dopo la Mauritania ci sono Haiti, il Pakistan, l'India, il Nepal, la Moldavia, il Benin, la Costa d'Avorio, il Gambia e il GabonIl Paese con il più basso numero di "moderni schiavi" è l'Islanda, con soli 22 casi.


Italia prima in Europa occidentale.
L'India è il Paese con il più alto numero di casi in assoluto (14 milioni) mentre la Mauritania è quella con la più alta percentuale rispetto alla popolazione, il 4%.

L'Italia ha una stima di 7.919 casi di "moderna schiavitù" su una popolazione di quasi 61 milioni di persone. L'Italia è il Paese dell'Europa centro-occidentale con il rischio più alto ma viene dietro a BulgariaGreciaCroazia e a tutta l'Europa orientale.


I numeri emergono dal primo "Indice della schiavitù mondiale", compilato dalla fondazione per i diritti umani australiana Walk Free.



Alcune parole per definire le moderne schiavitù


Prostituzione coatta o forzata


Approfondimenti
Fonte, RaiNews24 (Articolo)
Il nostro articolo 2011 "Moderne Schiavitù"

Il 2 dicembre 1949 l'Assemblea Generale ONU approva la Convenzione sulla soppressione del traffico di persone e lo sfruttamento della prostituzione.

Commenti

Post popolari in questo blog

Le Strade del Sesso. Ardea e Pomezia, il degrado alla luce del sole

Via Ardeatina , Via di Valle Caia , Santa Palomba , quando la decenza non ha più limiti. Degrado, prostituzione, oscenità impunita . Continua il nostro racconto sulle "Strade del Sesso " in Italia. C’è di tutto su alcune strade del territorio , una vita che scorre parallela, dove sembra che le regole del vivere comune non esistano, una sorta di zona “ franca ” dove vale tutto e si può tutto. Lo scenario che è davvero deprimente. Sono le vie del sesso del territorio di Pomezia e Ardea, alle porte di Roma . Degrado e impunità, è la terra di nessuno Un senso del pudore inesistente , ragazze praticamente nude in mezzo alla strada , atti sessuali tra le abitazioni anche in pieno giorno . Una vera e propria terra di nessuno. Si trova di tutto. Le zone sembrano esser ben ripartite tra prostitute . Quelle di nazionalità rumena, che stazionano lungo la Via Ardeatina, quelle dell'est (bulgare, ucraine, moldave), che “ hanno ” gli spazi che ricadono sotto il

Le truffe romantiche via facebook. Centinaia di donne coinvolte in Italia, migliaia in tutto il mondo

In inglese si chiama "Romantic Scam", è una truffa di tipo psicologico e affettivo, per questo molto difficile da dimostrare e da perseguire legalmente. Avviene via social, per lo più attraverso facebook. Il truffato nella maggior parte dei casi è una donna che si dichiara sentimentalmente sola , magari vedova, separata o divorziata. Immaginate un latin-lover d'altri tempi che fa innamorare di lui una donna benestante e poi vive nel lusso alle sue spalle, o magari che si fa dare denaro e poi sparisce. La truffa romantica è qualcosa di simile , solo che nell'epoca di facebook e dei social network si è evoluta, si è diffusa in tutto il mondo, e alla base della truffa non c'è più una sola persona ma una vera e propria organizzazione criminale. Ad oggi possiamo solo sapere che l' 80% delle truffe messe a segno con questo metodo parte dalla Nigeria, ma anche dal Ghana e dalla Costa d'Avorio. Di recente si è scoperto che un'intero villag

Quello che nessuno osa dire di Maometto

Sono molto orgogliosa di essere definita " razzista " perché NON amo l'Islam Non odio i mussulmani in quanto persone , poveretti sono nati semplicemente in un posto sbagliato, in mezzo ad una cultura intrisa di Islam, non hanno colpe. Ma non capisco coloro che si convertono all' Islam da grandi. Semplicemente inconcepibile, come Silvia Romano , convertita nella religione di chi la rapì. Fatevi qualche domanda , tra tutte le religioni al mondo l' Islam è l'unica che nasce dall'oggi al domani per " ispirazione " di un certo Maometto . Si dice che il Corano non lo scrisse nemmeno lui, il Profeta, ( alcuni pensano, anche in ambienti islamici, che era pure analfabeta ), ma lo dettò ai suoi seguaci, e la stesura definitiva fu scritta da " qualcuno " dopo la sua morte. Ma chi era Maometto Perfino Dante lo colloca all'Inferno (Canto XXVIII) Tra i commenti dei miei post c'è sempre qualcuno che mi definisce " ra