Passa ai contenuti principali

Un anno di Ebola di Africa

Ad oltre un anno dello scoppio dell'epidemia di ebola in Africa, si registra finalmente un deciso calo dei casi registrati. Nei tre paesi maggiormente colpiti, Guinea, Sierra Leone e Liberia il numero complessivo dei decessi è stato di circa 10.200 su un totale superiore ai 25.600 casi registrati.

- Leggi di più su Ebola Liberia -
Liberia .. È stato uno dei paesi più colpiti dall'epidemia. Il contagio è diminuito nei primi mesi del 2015, e l'unica area ancora interessata al contagio è quella della capitale Monrovia.

A marzo è stato registrato l'ultimo decesso e un nuovo caso di contagio. In tutte le altre provincie della Liberia non si registrano nuovi casi, ovvero sono zone considerate a "trasmissione non attiva".

A causa dell'ebola il sistema sanitario della Liberia ha subito un tracollo. Molti ospedali non funzionano, e altri non sono neppure in grado di accettare pazienti che presentano sintomi simili a quelli dell'ebola (diarrea e febbre). Tutto attualmente dipende delle organizzazioni umanitarie e dagli aiuti internazionali.

Dal punto di vista della diffusione del virus, la situazione in Liberia è piuttosto positiva, nell'ultima settimana solo un nuovo contagio dopo 21 giorni consecutivi a zero casi.

Aggiornamento Liberia al 5 aprile 2015
Casi clinici totali 9.862
Decessi 4.408

- Leggi di più su Ebola Guinea -
Guinea .. Il paese in cui si è registrato il primo caso di ebola. Un uomo che si era addentrato nella foresta per cacciare e probabilmente era entrato in contatto con un animale infetto (quasi certamente un pipistrello). Il virus ha poi avuto una rapida diffusione a causa di credenze popolari e per il culto dei morti (Il corpo del defunto deve essere vegliato e vestito dai familiari). Come si sa il contagio avviene attraverso il contatto con i fluidi corporei (saliva, lacrime, sudore, rapporti sessuali).

L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) comunica che, nonostante gli incessanti appelli alla comunità per eseguire sepolture sicure, molti problemi non si sono risolti, e soprattutto nelle località isolate o dove non c'è un medico o un presidio ospedaliero, si registrano ancora casi di contagio proprio a causa di antiche tradizioni.

A fine marzo in alcune prefetture (Forécariah, Coyah, Dubréka, Boffa e Kindiaè stato decretato lo stato emergenza e l'isolamento della popolazione per 45 giorni durante i quali volontari e associazioni si recheranno casa per casa per informare la popolazione su come evitare il contagio, e per aumentare la consapevolezza e la cooperazione.

Aggiornamento Guinea all'8 aprile 2015
Casi clinici totali 3.524
Decessi 2.337

- Leggi di più su Ebola Sierra Leone -
Sierra Leone .. Il primo caso di ebola si è verificato alla fine di maggio dello scorso anno nelle contee confinanti con la Guinea, dove l'epidemia era iniziata alcuni mesi prima.

Dopo aver registrato una notevole diminuzione dei casi di contagio a dicembre e all'inizio di gennaio, un piccolo aumento si è poi verificato tra fine gennaio e febbraio quando si contavano 60-100 nuovi casi a settimana.

Le ultime settimane però sono molto positive e i nuovi casi sono notevolmente diminuiti, tanto che molte zone sono considerate a "trasmissione non attiva", e l'OMS ha comunicato che le attuali strutture sanitarie sono sufficienti. Nell'ultima settimana si sono verificati solo 7 nuovi casi, e per arginare l'epidemia il governo centrale ha comunque decretato 3 giorni di coprifuoco.

Aggiornamento Sierra Leone all'11 aprile 2015
Casi clinici totali 12.195
Decessi 3.856

La Sierra Leone, che era appena uscita da una sanguinosa guerra civile (Guerra dei Diamanti insanguinati 1992-2002), e stava ricostruendo il suo tessuto sociale, economico, sanitario e scolastico è il paese che ha maggiormente subito il disastro "ebola". In un solo anno tutto ciò che era stato fatto nei dieci anni precedenti è andato perduto, e ora si ritrova in una situazione economica e sociale disastrosa.


Altri Articoli





Articolo curato da


Commenti

Post popolari in questo blog

Le Strade del Sesso. Ardea e Pomezia, il degrado alla luce del sole

Via Ardeatina , Via di Valle Caia , Santa Palomba , quando la decenza non ha più limiti. Degrado, prostituzione, oscenità impunita . Continua il nostro racconto sulle "Strade del Sesso " in Italia. C’è di tutto su alcune strade del territorio , una vita che scorre parallela, dove sembra che le regole del vivere comune non esistano, una sorta di zona “ franca ” dove vale tutto e si può tutto. Lo scenario che è davvero deprimente. Sono le vie del sesso del territorio di Pomezia e Ardea, alle porte di Roma . Degrado e impunità, è la terra di nessuno Un senso del pudore inesistente , ragazze praticamente nude in mezzo alla strada , atti sessuali tra le abitazioni anche in pieno giorno . Una vera e propria terra di nessuno. Si trova di tutto. Le zone sembrano esser ben ripartite tra prostitute . Quelle di nazionalità rumena, che stazionano lungo la Via Ardeatina, quelle dell'est (bulgare, ucraine, moldave), che “ hanno ” gli spazi che ricadono sotto il

Quello che nessuno osa dire di Maometto

Sono molto orgogliosa di essere definita " razzista " perché NON amo l'Islam Non odio i mussulmani in quanto persone , poveretti sono nati semplicemente in un posto sbagliato, in mezzo ad una cultura intrisa di Islam, non hanno colpe. Ma non capisco coloro che si convertono all' Islam da grandi. Semplicemente inconcepibile, come Silvia Romano , convertita nella religione di chi la rapì. Fatevi qualche domanda , tra tutte le religioni al mondo l' Islam è l'unica che nasce dall'oggi al domani per " ispirazione " di un certo Maometto . Si dice che il Corano non lo scrisse nemmeno lui, il Profeta, ( alcuni pensano, anche in ambienti islamici, che era pure analfabeta ), ma lo dettò ai suoi seguaci, e la stesura definitiva fu scritta da " qualcuno " dopo la sua morte. Ma chi era Maometto Perfino Dante lo colloca all'Inferno (Canto XXVIII) Tra i commenti dei miei post c'è sempre qualcuno che mi definisce " ra

La Convenzione di Ginevra compie 70 anni

L'anniversario sul trattato a difesa dei diritti del " Rifugiato " Uno dei trattati più sottoscritti a livello internazionale Definisce chi è un rifugiato e i diritti dei singoli che hanno ottenuto l'asilo e le responsabilità delle nazioni. A fine 2020 erano quasi 21 milioni i rifugiati nel mondo. Compie 70 anni . La Convenzione sui rifugiati, fondamentale strumento giuridico internazionale a difesa di chi fugge da persecuzioni, discriminazioni, violenze, guerre e che chiede asilo in un altro paese, è stata approvata in una speciale conferenza delle Nazioni Unite, tenuta a Ginevra il 28 luglio 1951 . Anche se entrerà in vigore il 22 aprile del 1954. Ad oggi gli stati firmatari della Convenzione sono 149 , rendendola uno dei trattati internazionali più sottoscritti. È un trattato multilaterale dell’Onu che definisce chi è un rifugiato e i diritti dei singoli che hanno ottenuto l’asilo e le responsabilità delle nazioni che garantiscono l’asilo medesimo. «