Passa ai contenuti principali

Schiave del sesso, un business da 5 miliardi di euro

Il traffico
Settantamila ragazze, due su tre è straniera, due su cinque è minorenne, nove milioni di clienti, un giro d'affari di 5,6 miliardi di euro all'anno. Sono i numeri dell'industria della prostituzione in Italia. Dietro a tutto questo una costellazione di mafie internazionali che modificano continuamente flussi, piazze e sistema di alleanze.

Ma al di là delle stime una cosa è ormai certa, la tratta di esseri umani, secondo il Copasir, il comitato parlamentare di sicurezza, alimenta un mercato illegale che per volume d'affari è dietro solo al traffico di stupefacenti e di armi.

La fabbrica delle lucciole. In Serbia o a Cipro ci sono le "scuole" dove vengono addestrate alla prostituzione ragazze che arrivano dall'Estremo Oriente, dai Paesi dell'ex Unione Sovietica o dai paesi dell'Europa dell'est. In questi luoghi le ragazze vengono stuprate e violentate "ripetutamente" per giorni e giorni. Vengono fornite di cellulari con schede e numeri protetti, costrette ad operazioni per inserire microchip sottopelle per poter essere controllate ed evitarne la fuga - Il nostro articolo sulle ragazze rumene -

Alla fine l'asta e vendute al miglior offerente in Italia o nei paesi balcanici. Nuove piazze del sesso a pagamento, dalle strade ai night club, passando per i centri massaggi, e perfino alle sale Bingo. Proprio le sale Bingo, l'ultima scoperta.


Ragazze nigeriane
In strada però restano per lo più le nigeriane e alcune rumene, tra di loro moltissime minorenni - leggi - In strada lavorano di più e guadagnano di meno.

A differenza di altre mafie internazionali, quella nigeriana gestisce tutto l'iter della tratta, dal distacco della famiglia, il viaggio fino all'Italia, e fino allo sfruttamento vero e proprio. Le ragazze nigeriane, nella stragrande maggioranza dei casi, apprendono solo in Italia quale sarà il vero lavoro che dovranno fare, e saranno informate dalla loro "madame". Vengono informate quando sono nel massimo della loro vulnerabilità, sono in un paese che non conoscono, non conoscono la lingua, non hanno contatti se non la loro madame (e al massimo altre ragazze nigeriane), e soprattutto non hanno contatti con la loro famiglia in Nigeria, impossibilitate a fare qualsiasi telefonata.

E così si ritrovano costrette a diventare prostitute, e un debito di alcune decine di migliaia di euro da pagare. Costrette con la violenza e vessazioni continue, costrette a sottomettersi anche perché si ritrovano isolate in un mondo che non conoscono.


Nike Favour Adekunle
Anche Nike Favour Adekunle sperava in un lavoro onesto e in una famiglia. Partita da Benin City a 19 anni e morta l'anno dopo nelle campagne di Misilmeri, paese alle porte di Palermo. Il suo corpo carbonizzato ha meritato solo un trafiletto in cronaca nel quale il suo nome non compariva. L'hanno cercata le amiche e i volontari del "Pellegrino della Terra", guidati da Samuel, un nigeriano che prova a strappare dalla strada le sue connazionali.

L'hanno cercata raccogliendo l'appello del "fidanzato" palermitano che le aveva regalato l'anello risparmiato dalle fiamme e che poi è servito a riconoscerla. Nike era costretta a prostituirsi nel "Parco della Favorita" ma voleva uscire dal giro. A Palermo ci sono almeno 500 ragazze nigeriane costrette a prostituirsi.

In Italia ci sono circa 30 mila ragazze nigeriane vittime di schiavitù sessuale, vittime del traffico di "carne umana", hanno tra i 14 e i 30 anni. Vengono picchiate dalle loro madame e costrette a prostituirsi contro la loro volontà, vivono nell'incubo di una ritorsione contro le loro famiglie in Nigeria, sono costrette a pagare un debito, un debito suggellato da un rituale woodoo prima della loro partenza alla presenza dei genitori.

Questo debito dipende dalla bellezza e dall'età della ragazza, e va dai 60 mila ai 120 mila euro. La schiavitù di queste ragazze dura dai 3 ai 4-5 anni (la mia personale è durata 7 anni, tra Italia 1995-1997 e Spagna 1999-2004) - leggi -

Un giro d'affari di 5 miliardi di euro. Ma al di là delle stime una cosa ormai è certa: il traffico di esseri umani alimentata un volume d'affari che è superato solo dal traffico di stupefacenti e da quello delle armi.

Palermo .. Samuel, l'Angelo Custode delle Nigeriane




Articolo scritto da



Commenti

Post popolari in questo blog

Le Strade del Sesso. Ardea e Pomezia, il degrado alla luce del sole

Via Ardeatina , Via di Valle Caia , Santa Palomba , quando la decenza non ha più limiti. Degrado, prostituzione, oscenità impunita . Continua il nostro racconto sulle "Strade del Sesso " in Italia. C’è di tutto su alcune strade del territorio , una vita che scorre parallela, dove sembra che le regole del vivere comune non esistano, una sorta di zona “ franca ” dove vale tutto e si può tutto. Lo scenario che è davvero deprimente. Sono le vie del sesso del territorio di Pomezia e Ardea, alle porte di Roma . Degrado e impunità, è la terra di nessuno Un senso del pudore inesistente , ragazze praticamente nude in mezzo alla strada , atti sessuali tra le abitazioni anche in pieno giorno . Una vera e propria terra di nessuno. Si trova di tutto. Le zone sembrano esser ben ripartite tra prostitute . Quelle di nazionalità rumena, che stazionano lungo la Via Ardeatina, quelle dell'est (bulgare, ucraine, moldave), che “ hanno ” gli spazi che ricadono sotto il

Quello che nessuno osa dire di Maometto

Sono molto orgogliosa di essere definita " razzista " perché NON amo l'Islam Non odio i mussulmani in quanto persone , poveretti sono nati semplicemente in un posto sbagliato, in mezzo ad una cultura intrisa di Islam, non hanno colpe. Ma non capisco coloro che si convertono all' Islam da grandi. Semplicemente inconcepibile, come Silvia Romano , convertita nella religione di chi la rapì. Fatevi qualche domanda , tra tutte le religioni al mondo l' Islam è l'unica che nasce dall'oggi al domani per " ispirazione " di un certo Maometto . Si dice che il Corano non lo scrisse nemmeno lui, il Profeta, ( alcuni pensano, anche in ambienti islamici, che era pure analfabeta ), ma lo dettò ai suoi seguaci, e la stesura definitiva fu scritta da " qualcuno " dopo la sua morte. Ma chi era Maometto Perfino Dante lo colloca all'Inferno (Canto XXVIII) Tra i commenti dei miei post c'è sempre qualcuno che mi definisce " ra

La Convenzione di Ginevra compie 70 anni

L'anniversario sul trattato a difesa dei diritti del " Rifugiato " Uno dei trattati più sottoscritti a livello internazionale Definisce chi è un rifugiato e i diritti dei singoli che hanno ottenuto l'asilo e le responsabilità delle nazioni. A fine 2020 erano quasi 21 milioni i rifugiati nel mondo. Compie 70 anni . La Convenzione sui rifugiati, fondamentale strumento giuridico internazionale a difesa di chi fugge da persecuzioni, discriminazioni, violenze, guerre e che chiede asilo in un altro paese, è stata approvata in una speciale conferenza delle Nazioni Unite, tenuta a Ginevra il 28 luglio 1951 . Anche se entrerà in vigore il 22 aprile del 1954. Ad oggi gli stati firmatari della Convenzione sono 149 , rendendola uno dei trattati internazionali più sottoscritti. È un trattato multilaterale dell’Onu che definisce chi è un rifugiato e i diritti dei singoli che hanno ottenuto l’asilo e le responsabilità delle nazioni che garantiscono l’asilo medesimo. «