Passa ai contenuti principali

È mezzanotte e una ragazza triste guarda le Stelle.

È mezzanotte, migliaia di giovani popolano le discoteche in attesa di vivere la notte. I bambini sognano case di cioccolata ..

Una ragazza guarda le Stelle una lacrima le riga il viso, guarda il letto disfatto e attende in silenzio, e senza accorgersene sta iniziando a singhiozzare. Ad un tratto sente dei passi, lei sa che è di nuovo venuta l'ora di diventare un oggetto.

Ciò che fa davvero soffrire è sapere che lei non è l'unica donna rinchiusa in un labirinto di cemento, al centro di un egoistico business che calpesta dignità e sogni.

In un mondo che avanza verso la globalizzazione, che investe nella ricerca, che vuole combattere i problemi .. In un mondo così esiste ancora la schiavitù, una parola che al solo suono fa rabbrividire, ma esiste, ed è sotto i nostri occhi.

Uomini senza scrupoli si fanno chiamare "protettori", ma l'unica cosa che proteggono è il loro patrimonio, bagnato di lacrime innocenti e di sogni diventati incubi.

Ma la cosa più raccapricciante che mantiene in vita questo così detto business è la moltitudine di clienti, uomini con una vita normale, con una famiglia normale. Uomini che dicono di amare le loro mogli, ma poi vanno alla ricerca del piacere a pagamento.

Sono come leoni a caccia di prede facili, scrutano il territorio e individuano le loro prede, e quando arriva il momento opportuno attaccano. La preda quando può si difende, ma a vincere è sempre la legge della giungla, a vincere è sempre il più forte.

Non è facile opporsi a questo scempio. Spesso siamo indotti a pensare che dal momento in cui lo Stato non fa il suo dovere è inutile mobilitarsi per cercare di cambiare qualcosa.

NO allo sfruttamento della prostituzione .. il primo "magnaccia" è lo Stato che non protegge adeguatamente le ragazze vittime di schiavitù sessuale, che le "costringe" a denunciare i loro sfruttatori senza pensare prima a dar loro una sicurezza psicologica, legale e ambientale. La legge Bossi-Fini sull'immigrazione clandestina non distingue i persecutori dai perseguitati, i "magnaccia" dalle ragazze schiave .. Non distingue i mercanti di uomini dagli uomini e dalle donne.

Dobbiamo tener presente che noi siamo lo Stato, e noi dobbiamo far sentire la nostra voce.





Le nostre Playlist

Commenti

Posta un commento

Ci è sempre gradito un tuo commento. Grazie

Post popolari in questo blog

Le Strade del Sesso. Ardea e Pomezia, il degrado alla luce del sole

Via Ardeatina , Via di Valle Caia , Santa Palomba , quando la decenza non ha più limiti. Degrado, prostituzione, oscenità impunita . Continua il nostro racconto sulle "Strade del Sesso " in Italia. C’è di tutto su alcune strade del territorio , una vita che scorre parallela, dove sembra che le regole del vivere comune non esistano, una sorta di zona “ franca ” dove vale tutto e si può tutto. Lo scenario che è davvero deprimente. Sono le vie del sesso del territorio di Pomezia e Ardea, alle porte di Roma . Degrado e impunità, è la terra di nessuno Un senso del pudore inesistente , ragazze praticamente nude in mezzo alla strada , atti sessuali tra le abitazioni anche in pieno giorno . Una vera e propria terra di nessuno. Si trova di tutto. Le zone sembrano esser ben ripartite tra prostitute . Quelle di nazionalità rumena, che stazionano lungo la Via Ardeatina, quelle dell'est (bulgare, ucraine, moldave), che “ hanno ” gli spazi che ricadono sotto il

Quello che nessuno osa dire di Maometto

Sono molto orgogliosa di essere definita " razzista " perché NON amo l'Islam Non odio i mussulmani in quanto persone , poveretti sono nati semplicemente in un posto sbagliato, in mezzo ad una cultura intrisa di Islam, non hanno colpe. Ma non capisco coloro che si convertono all' Islam da grandi. Semplicemente inconcepibile, come Silvia Romano , convertita nella religione di chi la rapì. Fatevi qualche domanda , tra tutte le religioni al mondo l' Islam è l'unica che nasce dall'oggi al domani per " ispirazione " di un certo Maometto . Si dice che il Corano non lo scrisse nemmeno lui, il Profeta, ( alcuni pensano, anche in ambienti islamici, che era pure analfabeta ), ma lo dettò ai suoi seguaci, e la stesura definitiva fu scritta da " qualcuno " dopo la sua morte. Ma chi era Maometto Perfino Dante lo colloca all'Inferno (Canto XXVIII) Tra i commenti dei miei post c'è sempre qualcuno che mi definisce " ra

La Convenzione di Ginevra compie 70 anni

L'anniversario sul trattato a difesa dei diritti del " Rifugiato " Uno dei trattati più sottoscritti a livello internazionale Definisce chi è un rifugiato e i diritti dei singoli che hanno ottenuto l'asilo e le responsabilità delle nazioni. A fine 2020 erano quasi 21 milioni i rifugiati nel mondo. Compie 70 anni . La Convenzione sui rifugiati, fondamentale strumento giuridico internazionale a difesa di chi fugge da persecuzioni, discriminazioni, violenze, guerre e che chiede asilo in un altro paese, è stata approvata in una speciale conferenza delle Nazioni Unite, tenuta a Ginevra il 28 luglio 1951 . Anche se entrerà in vigore il 22 aprile del 1954. Ad oggi gli stati firmatari della Convenzione sono 149 , rendendola uno dei trattati internazionali più sottoscritti. È un trattato multilaterale dell’Onu che definisce chi è un rifugiato e i diritti dei singoli che hanno ottenuto l’asilo e le responsabilità delle nazioni che garantiscono l’asilo medesimo. «