Passa ai contenuti principali

Cara Silvia, o se preferisci ti chiamerò anch'io Aisha

Cara Silvia, hai deluso. Ci hai traditi tutti quanti.


Quando ti rapirono
Quando ti rapirono quel giorno di novembre del 2018 noi eravamo qui, a difenderti. Ti abbiamo difesa dagli attacchi di una certa stampa che ti aveva immolata sull'altare della tua ingenuità, e di quell'essere andata in Africa senza quell'esperienza necessaria a fare la volontaria in certi posti, in certi luoghi. 
Il tuo sorriso e quella forza di volontà che sembravi dimostrare ci avevano contagiati.
Quando ti rapirono e per tanti giorni a seguire ti abbiamo difesa dagli odiatori del web, dagli idioti che ti avevano presa di mira proprio perché volevi aiutare tutti quei bambini africani che tu tanto amavi. Erano quelli che andavano predicando "aiutiamoli a casa loro", ma quando qualcuno di noi (o qualcuna come te) va laggiù, ad aiutare quelle persone e quei bambini, ti deridono, ti insultano. I razzisti li abbiamo combattuti, li stiamo combattendo
Ci avevi conquistati tutti per quel tuo essere così generosa, per quel tuo coraggio così puro e semplice che a molti è sembrato ingenuità, per quel tuo volerti donare agli altri a tutti i costi. 
Abbiamo sofferto molto per la tua sorte in tutti questi mesi, un anno e mezzo fatto di silenzi, grandi silenzi, a volte tante parole, tante ipotesi inutili. Anche noi abbiamo scritto qualcosa di te perché ti sentivamo vicina, perché eri nei nostri pensieri, perché ti abbiamo voluto bene. Perché anche noi di Foundation for Africa abbiamo qualcuno laggiù, andato ad aiutare quelle persone che anche tu volevi aiutare.

Finalmente libera
Immagina la nostra immensa gioia quando abbiamo saputo che eri libera. Una gioia che abbiamo subito voluto condividere con i nostri amici. Si, eravamo felici per te, per la tua famiglia, e per tutti quelli che ti vogliono bene. Eravamo tutti ansiosi di conoscere, di sapere, di capire cosa ti era davvero accaduto, dei tuoi carcerieri, di quello che ti avevano fatto. 
Ma poi è subentrata la delusione. Al tuo rientro in Italia nemmeno una parola sui malvagi che ti avevano rapita e sui criminali che per tutto questo tempo ti hanno tenuta prigioniera. A molti quel tuo silenzio sui tuoi carcerieri è apparso come tu li volessi proteggere, forse difendere. E poi la tristezza e la delusione nell'apprendere che ti eri convertita all'Islam, la religione di chi uccide, di chi disprezza le donne, di chi sottomette e perseguita chi non la pensa come loro.

E poi qual nome, Aisha
Lo sai chi era Aisha? Anch'io ho letto il Corano, ma non per questo mi sono convertita all'Islam.

Aisha, una delle mogli di Maometto, forse la prediletta. Lui la sposò quando lei aveva solo sei anni, "venduta" dal padre di lei. Il primo rapporto sessuale tra i due avvenne quando la "bambina" Aisha aveva solo nove anni. Questo è l'Islam che ancora oggi sposa le bambine, l'islam dei matrimoni combinati, un flagello attuale anche ai nostri giorni, oggi, proprio adesso, e proprio in Africa.
Cara Silvia, ti sei data il nome di una sposa bambina. Vergognati!

Certo, noi non possiamo sapere perché, è una scelta tua (lo hai detto tu stessa). Sono scelte che fanno parte del privato interiore, della tua coscienza. Ma di certo tu adesso potrai capire anche perché non ci è più possibile starti accanto, difenderti, volerti bene.

Cara Silvia, no, non ti chiamerò Aisha, davvero non posso
Lo sai, io sono nata in Africa, da ragazza ho vissuto dove adesso l'Islam cattivo rapisce le ragazze cristiane per convertirle all'Islam, le costringe a diventare mogli e spose dei loro stessi carcerieri, dei loro stessi rapitori, le costringe a diventare schiave sessuali.
Nei luoghi dove ho vissuto io l'Islam cattivo di Boko Haram ha distrutto interi villaggi, ucciso migliaia e migliaia di persone. Provocato (ad oggi) 2,7 milioni di profughi, gente, famiglie che non potrà mai più ritornare nei luoghi di origine. 
Più di un milione di bambini non potrà mai andare a scuola perché quell'Islam ha distrutto le scuole e ucciso gli insegnanti, gli educatori, i maestri. 

No Silvia, io non potrò mai chiamarti Aisha. Non sei come Leah Sharibu, ancora prigioniera di Boko Haram in Nigeria perché non vuole convertirsi all'Islam. O come Asia Bibi, per 9 anni prigioniera in Pakistan perché non ha mai voluto abiurare la sua fede cristiana. Quelle si, donne coraggiose, non come te che hai abbracciato la fede dei tuoi rapitori e dei tuoi carcerieri.

No Silvia, io NON potrò mai chiamarti Aisha. Tu mi hai tradita, tu ci hai traditi tutti quanti 

L'Islam è come un gigantesco amplesso dove "godono" solo i vigliacchi che non hanno nessun rispetto per la vita umana e per le donne


Articolo di
Maris Davis


Condividi su Facebook

Commenti

  1. cara maris,non chiamarla aisha ma dobbiamo considerare il contesto in cui e' vissuta per 180 giorni la nostra cara silvia.l'importante che non sia diventata islamista(sindrome di stocclma).ma questo lo sapremo in seguito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In primis ancora su sta storia di Maometto pedofilo per via di Aisha,e tutte le bufale dei peggiori islamofobi,in secundis, la ragazza ha fatto una scelta insindacabile e interiore e sarebbe bene rispettarla,non so cosa roda a certi italiani o a certe straniere alla Davis,il fatto che sia convertita??? Il fatto che si veli,mentre a ogni pie spinto la signora Devis ci mostra il suo corpo così nudo in tutte le salse??? Ma quando il rispetto??? Ha fatto uma scelta ,indossa hijab,non è cge verrà a Davis a dirle copriti,resta liberissima di svelarsi sulle pagine social, non è che non si veda,ma lascia in pace quella ragazza, ha fatto una scelta insindacabile, e tutto sto chiacchiericcio è vomitevole,poi islam cattivo,islam rapisce....ma sapere o no qusnti musulmani sono vittime dei jihadisti?. ???quanta cultura musulmana è distrutta dai jihadisti?.? Quanti musulmani sono trucidati dai jihadisti??? La signora sta facendo uba vergognosa generalizzazione,un insulto vero e proprio, noi veniamo a sindacare perché si mostra seni e posteriore via social?? Veniamo a contestare i nudi che lei fa apertamente??? No! Beh ci aspettiamo signora Davis uguale rispetto,,la ragazza ha fatto la sua scelta, i suoi pregiudizi antislam sui musulmani cattivoni fanno ridere, ma ribadisco non sindachiamo noi musulmani perché si mostra seni al vento,beh medesimo rispetto, oppure per essere libere ,bisogna fare solo come fa lei seni al vento e ragazze come Silvia sono da bersagliare??,spiace sentire tanta arroganza da una donna che non rispetta la scelta di altre donne, le donne musulmane di tutto hanno bisogno fuorché di tale stupida commiserazione di chi le prende tutte per oppresse,imbecilli, ma ci sono donne musulmane con velo o no ,ma studiose,combattenti ,ricercatrici ,sagge,
      Le suggerisco di leggersi di Pepicelli
      Femminismo Islamico, almeno allarga le sue strette visioni...si può essere libere anche con hijab,e non solo esclusivamente mettendo i seni e i nudi e i lato b ,a ogni post,commento o foto social,non è unica emancipata solo perché mette i seni in primo piano e i nudi ad ogni singolo commento,e magari vedendo le altre donbe oppresse ,abbia rispetto per le donne musulmane,cge non sono delle stupide oppresse solo perché non fanno e pubblicano foto con il seno ben ripreso

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
  2. Salve mi chiamo Mansur Cristian Farano e sono un italiano convertito all'Islam Non esulto né altro per questa conversione alla fede musulmana di Silvia Romano, ma credo si debba tatto e rispetto per questa decisione sovrana e insindacabile, che viene disprezzata semplicemente per palese islamofobia,ora tutti giudici o psicologi esoerti di sindromi

    RispondiElimina
  3. Le ricordo cara signora Davis,che migliaia di musulmani nel mondo a causa dei jihadisti, boko haram ammazza migliaia di musulmani o è falso??? Solo lei e i cristiani ne siete vittime??? E le moschee attaccate da Boko Haram,la strage alla Moschea di Kano ad esempio?..i musulmani sono vittime dei jihadisti, islam nob c'entra nulla

    RispondiElimina
  4. Islam gigantesco amplesso??? Ma come ti permetti???? Ma lo sai che isis ha ammazzato più musulmani che il resto,tu confondi jihadisti con i musulmani, i musulmani sono vittime dei jihadisti, i jihadisti sono solo dei criminali, sono estremisti che attaccano i musulmani, le moschee, distruggono i santuari sufi e la cultura musulmana e sufi.....gigantesco amplesso??? Cocca mia credo tu stia esagerando, in Nigeria anche, i musulmani sono vittime dei jihadisti, o forse non lo sai??? Bugiarda!

    RispondiElimina
  5. Nessun rispetto??? Per le donne??? Ah non sapevo che i musulmani fossero dietro il traffico di prostitute nigeriane,o che solo i musulmani trsttano le donne da cani...islam cattivo,islam che rapisce.....ti ricordo, cocca mia che i musulmani sono un miliardo e pssss e tu stai facendo una volgarissima generalizzazione,vediti ad esempio la strage nella moschea di Kano da parte di Boko Haram etc...dici solo cose parziali, E rispetto per le scelte di Silvia Romano, basta sindacare....VERGOGNATI!

    RispondiElimina
  6. La ragazza Silvia Romano, ha fatto una scelta,rispetto,non tocca a lei giudicare oppressa o no,lei è libera di mostrarsi??? Bene,allora rispetti scelte altrui se si vela ne abbia rispetto, nessuno di noi musulmani si permetterebbe di sindacare per la sua nudità esposta costantemente, ergo faccia altrettanto con noi

    RispondiElimina
  7. Caro Cristian, si certo, come dici tu stesso l'Islam uccide, uccide anche gli stessi mussulmani. Quindi siamo d'accordo, l'Islam uccide, uccide in Nigeria (Boko Haram), uccide in Somalia (Al Shabaab), ha ucciso in Europa, perfino negli Stati Uniti. Uccide ovunque, soprattutto in Africa. Se è vero (e questo te lo concedo) che non tutti i mussulmani sono cattivi (o terroristi), è altrettanto vero che ovunque nel mondo dove si muore (guerre, terrorismo, instabilità politiche, dittature, paesi dove di applica la Sharia) sono islamici.

    Vengono chiamati "terroristi", ma non sono terroristi, uccidono in nome di un Dio chiamato Allah. Follia religiosa, forse, ma in Africa un certo Islam uccide perché vuole fare dell'Africa (quella sub-sahariana) un continente dove l'unica legge è la Sharia. Dove lo Stato è un tutt'uno con la religione. Cose inconcepibili per me, dove la religione deve essere solo nella coscienza delle persone e non infestare le leggi dello Stato.

    Tu, come me, sei venuto in Italia, e l'Italia (e tutti i paesi occidentali) lo Stato è diviso dalla Chiesa e dalla religione.

    Non è islamofobia la mia, la mia è solo una presa di coscienza che in base a fatti reali l'Islam uccide in nome di un Dio, e questo per me è inconcepibile. Alcuni mussulmani sono le armi che sparano, che uccidono, ma altri mussulmani fiancheggiano, appoggiano, non prendono posizione contro i mussulmani cattivi. E sono in troppi, quasi tutti. Te compreso, che denigri me, invece di combattere e di prendere posizione contro i mussulmani che uccidono e che rapiscono ragazze come Silvia.

    Silvia (o Aisha) ha fatto una scelta (forse è stata costretta o forse no), e ha scelto di convertirsi nella religione di quelli che l'hanno rapita. Una cosa per inconcepibile, sbagliata, da codardi.

    E scusami se io combatto, lotto e scrivo contro l'Islam che uccide, tu puoi fare quello che vuoi, ma non venire a chiedere a me di accettare (o di comprendere) quelli che abbracciano la religione che uccide.
    (Maris)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Combattere??? Sei solo accecata da razzismo e odio, fai tanto l'anima candida ,ma grondi odio da ogni parte del tuo corpo ,mi spiace ma io contesto gente ignorante come te che generalizza su un miliardo e mezzo di persone,non sei differente dai leghisti ,tu fai quello che vuoi ,ma io non starò zitto davanti ai pregiudizi di gente come te ,che non sanno nulla di musulmani, mentre boko haram uccide migliaia di musulmani anche......la moschea di Senussi a Kano fu rasa al suolo e i fedeli uccisi per il sol fatto che Imam di quella moschea invitò la gente a ribellarsi a Boko Haram,non mi invento nulla ,fai una ricerchina piuttosto che vomitare odio......combatti la tua stoltezza

      Elimina
  8. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  9. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  10. Tutti i commenti che non centrano nulla con il tema del post sono stati e saranno cancellati.

    RispondiElimina
  11. Si vuol far credere che Maometto sia stato un "Santo". Atteniamoci ai fatti, a quello che c'è anche nel Corano. Maometto sposa Aisha (la sua moglie prediletta) dopo averla comprata dal padre (matrimonio combinato), figlia del suo miglior amico, Abu Bakr, quando aveva solo sei anni, e ha il primo rapporto sessuale quando Aisha ha nove anni. E questo è nel Corano, non me lo sono inventato io, e se questa non è pedofilia, ditemi voi che cos'è la pedofilia. Il fatto che i mussulmani (Maometto compreso) possono avere molte mogli è un fatto secondario, se non che il rispetto per la donna va a finire nel cesso.

    Ed ancora, fatto storico, nel 627 d.C. Maometto partecipò di persona alla decapitazione di circa 800 ebrei della tribù dei Banu Qurayza alle porte di Medina in Arabia Saudita, e questo al giorno d'oggi lo definiremo massacro.

    Ecco perché diciamo "No all'Islam". Una religione basata, fin dalle sue origini, sulla malvagità, sull'orrore e sul NON rispetto per le donne. E cresciuta nei secoli e fino ai giorni nostri in mezzo a guerre, orrori, violenze, imposizioni amorali e inique verso le donne.
    https://marisdavis.blogspot.com/2015/01/ecco-perche-diciamo-no-allislam.html

    RispondiElimina
  12. Sei solo accecata da odio islamofobo e razzista, predichi antirazzismo, ma poi rovesci odio sui musulmani, riproduci stereotipi volgari e osceni sui musulmani e Islam di cui non sai nulla.....fai i calendari limitati a questo perché non sai altro e offendu liberamente storie drammatiche, vergognati semplicemente.....non sei diversa dai bianchi più razzisti......studia tra un calendario e l'altro

    RispondiElimina
  13. Continui a confondere volontariamente musulmani e terroristi ,islam non ha nulla a che fare con questi movimenti deviati ,migliaia di musulmani sono vittime dei Jihadisti, ad esempio c'è il sufismo anima spirituale dell'islam di cui non sai nulla.......studia ....e poi parla

    RispondiElimina
  14. Ma tu chi sei per stabilire che Islam sia vero o no???? E che Islam sia violento e altre fedi no?????.

    RispondiElimina
  15. La poligamia era una esigenza dei tempi più che divertimento sessuale se è questo che ci vuoi fare intendere, strumentalizzando sta cosa di Aisha ,sempre e solo questo, la poligamia esiste o no tra gli africani non musulmani??? Fammi sentire

    RispondiElimina
  16. Diciamo no all'Islam??? Fai tanto l'antirazzista dove ti fa comodo e poi sui musulmani riproponi pregiuduzi peggiori di quelli della lega nord
    Islam non è violenza ,c'è il sufismo che ha sempre propugnato pace e predicazione non violenta ,na tu riproponi la solfa dell'Islam diffuso solo ed esclusivamente sulla punta delle lance
    Il profeta Muhammad ha subito persecuzioni e massacri ecco perché è accaduto quanto tu sbandieri ,non ti pensare che altre fedi siano partite da solo Peace and Love......sulla pedofilia vogliamo parlare dei sacerdoti pedofili??? O dei cadaveri di bimbi scoperti on Canada.???? Avanti
    ......senti a me fai solo calendari che ti ammiriamo per questo ,ma oltre al corpo mi sa che ti manca lo studio
    Fai calendari che almeno fai qualcosa di buono ,ma per il resto sei una Islamofoba
    ..........che ripropone stereotipi o confonde Boko Haram con tutti i musulmani.........sarai gnocca, ma lo studio e il rispetto non li hai ,l'ignoranza si

    RispondiElimina
  17. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  18. In un tuo post scrivi fosse per me rispedirei i musulmani nei loro paesi etc, se mi permetti, e io sono un italiano convertito all'Islam, ma italiano, con tutto il rispetto per te ,ma inizierei proprio da gente come te a rimandare indietro le persone, chi sei tu per decidere chi deve o no stare in Italia???? In Italia hai diritto a starci,ma non solo tu ,se i musulmani ti danno fastidio,pazienza ,altrimenti puoi andare altrove,se permetti da italiano ,....quel post dove dici di odiare i musulmani etc non ti rende differente dai leghisti.....peccato pensavo fossi più intelligente, ma a razzismo sei brava pure te....e comunque chi mandar via non lo decidi te per fortuna

    RispondiElimina
  19. Mi chiedo chi sia tu per dire no all'Islam, ma chi sei??? Ti ricordo che sei un' ospite come lo sono i musulmani, tu non hai alcun diritto di dire che loro non hanno diritto a stare etc ,i matrimoni combinati non esistono solo tra musulmani e sono trasversali a tradizioni differenti Piuttosto che religioni differenti lo sai questo, o parli tanto per???.le guerre solo i musulmani le fanno??? Le imposizioni le fanno soli i musulmani??? Gli altri tutti santi??? Gli africani non musulmani sono tutti danti verso le donne????? La poligamia è minoritaria nel mondo musulmano seppur esistente ,ma nelle società africane non musulmane invece la donna è sul trono????? Sei semplicemente accecata da odio islamofobo, inutile che tu faccia l'anima candida quando nutri tutto sto odio e rancore.....associare islam a violenza tout-court è idiozia pura quanto alla scelta di Aisha Romano non hai diritto di giudicare ,specie se hai tutti sti pregiudizi

    RispondiElimina
  20. Aisha Romano ha molta più dignità di persone razziste come te

    RispondiElimina
  21. Spiace veramente il dover dare dell" " ignorante" ad una persona, ma mettere alla berlina una intera tradizione culturale millenaria, è al paese mio ,RAZZISMO
    INFORMATI SULLA VICENDA DI KANO E LA MOSCHEA RASA AL SUOLO DA BOKO HARAM....MAGARI RIVEDI I TUOI PREGIUDIZI, A PARTIRE DA QUEI MARTIRI UCCISI DA BOKO HARAM,NON ALL'ISLAM, CONFONDERE LE DUE COSE È DA SCIOCCHI MIA CARA

    RispondiElimina
  22. Informati sui fatti di Kano.....prima di straparlare di musulmani

    RispondiElimina
  23. Ah per tua informazione io sono un italiano convertito all'Islam, e non sono diventato un assassino o un mostro antidonne e con me tantissimi, non nego e né sminuisco la questione fenminile ,ma la tua islamofobia dimostra che in realtà per te è solo un pretesto........no all'Islam??? Io dico si all'Islam, si a tutte le religioni e no al razzismo espresso da persone come te perché sei razzista

    RispondiElimina
  24. Mi spiace ,ma non all'Islam è una grave discriminazione, se non ti sta bene che in Italia ci siano musulmani, la porta è quella ,non sei nessuno per dire chi può o no stare in Italia..impara ad essere meno arrogante ragazza perché c'è posto per tutti ,se non ti è chiaro,e non decidi né tu né io né altri chi può o no stare in Italia.....fattene na ragione

    RispondiElimina
  25. E scusami se io combatto, lotto e scrivo contro l'Islam che uccide, tu puoi fare quello che vuoi, ma non venire a chiedere a me di accettare (o di comprendere) quelli che abbracciano la religione che uccide.
    Eh no cara ,per carità di Dio, siamo in democrazia e ci sta libertà di espressione, ma se non di odiare e di diffondere e predicare odio ,perché tu confondi le due cose e generalizzi verso migliaia di musulmani anzi milioni ,e se mi permetti, zitto non sto ,soprattutto davanti all'odio indiscriminato verso una intera civiltà, mi dispiace per te ,fai quello che vuoi,ma sappi che istigazione al razzismo e istigazione all'odio etnico e religioso, non è libertà di espressione, io non ti chiedo nulla, ma ,ribadisco, che zitto non sto ,la tua è islamofobia, ed odio verso una religione ,e se mi permetti,sulla base di ignoranza e non conoscenza dell'Islam ,faccio quello che voglio??? È il mio paese, i musulmani son ben accetti, se ti danno fastidio, quella è la porta
    ..... informati ,studia invece di riproporre stereotipi, altrimenti non fai che ripetere solo concetti che sappiamo riproposti da razzisti vari e leghisti,altrimenti si nota che cerchi visibilità e beh per quella bastano le foto o i calendari

    RispondiElimina
  26. Tu sei senza dubbio libera ,come tutti lo siamo ,ma nessuno è libero di diffondere odio e pregiudizio, e su questo non taccio ,tu stai diffondendo solo odio ,e islamofobia, non ti chiedo nulla, ma se diffondi falsa informazione sui musulmani, o odio indiscriminatamente ,beh certamente non è che faccio quello che voglio, ma faccio il mio dovere di cittadino contro odio e razzismo, e zitto non sto altro che tu fai quello che vuoi, con tanta arroganza pensi di aver ragione e di proporre idiozie come no all'Islam,qui non si tratta di chiedere comprensibione etc qua si tratta di chiedere RISPETTO, e di contestare il pregiudizio che stai diffondendo, tu fai quello che vuoi, fa pure ,ma altrettanto noi,zitti non staremo e continueremo a contestare e contrastare democraticamente e pacificamente le tue idiozie e il tuo odio ,perché di questo si tratta, di cieco odio basato su non conoscenza, e pretesa invece di sapere facendosi saccenza sui social tra una foto e un set fotografico per farsi pubblicità, no cara Devis ,zitto non sto e non mi dici fai quello che vuoi, perché qua sei tu che stai facendo pregiudizi ,spacciati per chissà quale battaglia da eroina della libertà, non sei paladina di nulla, se non del PREGIUDIZIO
    DICIAMO NOALRAZZISMOISLAMOFOBOEIGNORANTECONTROIMUSULMANI

    RispondiElimina
  27. Siamo un paese libero, ma odio non è libero ,no odio non è libero da qualunque parte esso provenga,libertà di espressione si,ma di odio NO

    RispondiElimina

Posta un commento

Ci è sempre gradito un tuo commento. Grazie

Post popolari in questo blog

Tra le baraccopoli di Lagos, dove le bambine di 14 anni sono costrette a prostituirsi per 2 dollari

Lagos con i suoi 16,4 milioni abitanti, dei quali almeno il 60% vive in baraccopoli. Da un lato grattacieli infiniti, bellissimi e lussuosi, dall’altro povertà e miseria. Lagos è la seconda città dell'Africa ( dopo Il Cairo in Egitto ). Lagos , Nigeria Sullo sfondo la città moderna e turistica, sulla sinistra una baraccopoli A Lagos almeno otto milioni di persone vivono in baraccopoli senza acqua potabile, bagni o cure sanitarie . Questo profondo squilibrio è alla base della criminalità più o meno organizzata della metropoli. Sviluppati gangsterismo, omicidi e corruzione politica. A Lagos la prostituzione è da anni un problema enorme . Ragazze giovanissime, spesso anche sotto i 14 anni, sono costrette a prostituirsi negli " Slums of Lagos " , le baraccopoli che si estendono intorno alla città nigeriana. Ragazze costrette dalla povertà, dalle stesse famiglie perché è l'unico reddito possibile oppure, molto più spesso, da organizzazion

Le Strade del Sesso. Ardea e Pomezia, il degrado alla luce del sole

Via Ardeatina , Via di Valle Caia , Santa Palomba , quando la decenza non ha più limiti. Degrado, prostituzione, oscenità impunita . Continua il nostro racconto sulle "Strade del Sesso " in Italia. C’è di tutto su alcune strade del territorio , una vita che scorre parallela, dove sembra che le regole del vivere comune non esistano, una sorta di zona “ franca ” dove vale tutto e si può tutto. Lo scenario che è davvero deprimente. Sono le vie del sesso del territorio di Pomezia e Ardea, alle porte di Roma . Degrado e impunità, è la terra di nessuno Un senso del pudore inesistente , ragazze praticamente nude in mezzo alla strada , atti sessuali tra le abitazioni anche in pieno giorno . Una vera e propria terra di nessuno. Si trova di tutto. Le zone sembrano esser ben ripartite tra prostitute . Quelle di nazionalità rumena, che stazionano lungo la Via Ardeatina, quelle dell'est (bulgare, ucraine, moldave), che “ hanno ” gli spazi che ricadono sotto il

Le truffe romantiche via facebook. Centinaia di donne coinvolte in Italia, migliaia in tutto il mondo

In inglese si chiama "Romantic Scam", è una truffa di tipo psicologico e affettivo, per questo molto difficile da dimostrare e da perseguire legalmente. Avviene via social, per lo più attraverso facebook. Il truffato nella maggior parte dei casi è una donna che si dichiara sentimentalmente sola , magari vedova, separata o divorziata. Immaginate un latin-lover d'altri tempi che fa innamorare di lui una donna benestante e poi vive nel lusso alle sue spalle, o magari che si fa dare denaro e poi sparisce. La truffa romantica è qualcosa di simile , solo che nell'epoca di facebook e dei social network si è evoluta, si è diffusa in tutto il mondo, e alla base della truffa non c'è più una sola persona ma una vera e propria organizzazione criminale. Ad oggi possiamo solo sapere che l' 80% delle truffe messe a segno con questo metodo parte dalla Nigeria, ma anche dal Ghana e dalla Costa d'Avorio. Di recente si è scoperto che un'intero villag