Passa ai contenuti principali

La tratta delle prostitute africane e caporalato al CARA di Mineo

Ennesimo scandalo al CARA di Mineo (Centro Accoglienza Richiedenti Asilo) che si trova provincia di Catania, bambine e ragazze africane, quasi tutte nigeriane e spesso minorenni, costrette a prostituirsi per ripagare il "viaggio", e i caporali che sfruttano negli aranceti della zona gli africani maschi.

Una struttura pubblica che dovrebbe proteggere i suoi ospiti, costretti ad essere li da una penosa legge italiana (Bossi-Fini), tutti in attesa dell'esito della domanda di asilo. Un luogo fuori dal mondo, un'ora di macchina da Catania e 11 chilometri per arrivare al più vicino centro abitato. Un luogo che dovrebbe ospitare non più di 1.800 persone ed invece ce ne sono circa 3.500. CARA di Mineo, un luogo che deve essere assolutamente chiuso.

Tutti i migranti del CARA hanno presentato richiesta d’asilo. Chi la ottiene avrà i documenti. Gli altri dovrebbero essere espulsi. Per avere una risposta passano da uno a due anni, insomma tempi biblici. Altrettanti per il ricorso in caso di diniego. Non è neppure stata predisposta una commissione all'interno, la più vicina è a Siracusa. Così, rispettare i termini di legge è impossibile.

Che fare durante tutto questo tempo? La direttiva europea prevede che dopo sei mesi un richiedente asilo abbia un permesso temporaneo. In questo modo può lavorare regolarmente. Eppure non viene consegnato. Per ottenerlo bisogna fare ricorso.

Dunque si può scegliere tra il limbo, i caporali e la mafia nigeriana. Mineo è un'isola in un mare di aranceti. Basta un rapido giro per incontrare estensioni senza fine. Piccoli proprietari e grandi latifondi. Tutti hanno bisogno di braccia. I padroni senza scrupoli scelgono quelle a basso costo. "C’è un caporalato diffuso, pazzesco e impressionante. Il caporalato non esisteva nella zona, è stato letteralmente introdotto con il CARA"

Gli "africani", ed è quello che accade nel Cara di Mineo, si fanno trovare alle sette del mattino in un determinato posto, passa il tizio locale, recluta alcuni lavoratori, li porta a lavorare in campagna e gli dà 3 euro l’ora o 10 euro al giorno. "I richiedenti asilo sono pagati ancora meno degli immigrati economici".

Anche la Cgil conferma: "Nell'area del calatino gli immigrati del centro di accoglienza sono facili vittime dei caporali".

CARA di Mineo
CARA di Mineo e i numeri misteriosi dei suoi ospiti, circa tremilacinquecento. La capienza nominale sarebbe di 1.800 posti. "Circa" è la parola chiave. L'omessa comunicazione dei provvedimenti con il quale il questore dispone l’accoglienza, e in più non viene consegnato l'attestato nominativo, e poi non è disposta neppure la cessazione dell'accoglienza. L'unico documento, con valore legale pari a zero, è il badge, un pezzo di carta rilasciato dall'ente gestore.

Bambine e donne africane costrette a prostituirsi per ripagarsi il viaggio. Donne e adolescenti ospiti del CARA costrette a prostituirsi per ripagare il viaggio della speranza che le ha portate in Europa. Uno scandalo che era sotto traccia, tutti sapevano, ma portato alla luce da un servizio de "L'aria che tira" di La7.

E così la mafia nigeriana si è intrufolata anche al CARA di Mineo. Avvicinare le ragazze e strappare loro la verità. Devono ripagare i "trafficanti di uomini" dai 15.000 ai 30.000 euro per poter avere l'agognata libertà. Ma molto spesso, anche quando hanno ripagato il loro "debito", se così lo vogliamo chiamare, non tornano libere. Gli aguzzini le fanno sognare la libertà, per incentivarle a prostituirsi più possibile, per racimolare la cifra più rapidamente, ma queste ragazze, tenute sotto minaccia e ricattate, quasi sempre entrano in un turbine di violenza senza fine.

Ragazze nigeriane per lo più, alcune quasi bambine, costrette a prostituirsi nella zona tra le stradine che circondano la struttura, costrette a "vendersi" con gli stessi ospiti del CARA e spesso anche con gli operatori della struttura, altre in trasferta a Catania e perfino fino Messina. L'associazione "Penelope" conferma che, ogni giorno, circa 25-30 ragazze nigeriane, ospiti del CARA di Mineo, fanno le pendolari del sesso fino a Messina. 

Tutto avviene alla luce del sole, nell'indifferenza generale, lo Stato italiano ed i suoi uomini fingono di non vedere. Nessuno si indigna, nessuno grida allo scandalo, niente. Perché evidentemente il sistema vuole che le cose funzionino così.

La situazione a Mineo appare estrema, ma il problema riguarda l’intera Italia

La tratta delle prostitute al CARA di Mineo
(Video-Servizio La7)


Altri articoli
Asilo politico,
rifugiati e migranti. Un vero business per qualcuno
- leggi -
Centri di
Identificazione ed Espulsione, luoghi da chiudere
- leggi -
Viaggio tra i
richiedenti asilo del CARA di Mineo, un'inferno di Stato
- leggi -
Prostituzione,
vergogna al CARA di Mineo
- leggi -



Articolo di

Commenti

Post popolari in questo blog

Le Strade del Sesso. Ardea e Pomezia, il degrado alla luce del sole

Via Ardeatina , Via di Valle Caia , Santa Palomba , quando la decenza non ha più limiti. Degrado, prostituzione, oscenità impunita . Continua il nostro racconto sulle "Strade del Sesso " in Italia. C’è di tutto su alcune strade del territorio , una vita che scorre parallela, dove sembra che le regole del vivere comune non esistano, una sorta di zona “ franca ” dove vale tutto e si può tutto. Lo scenario che è davvero deprimente. Sono le vie del sesso del territorio di Pomezia e Ardea, alle porte di Roma . Degrado e impunità, è la terra di nessuno Un senso del pudore inesistente , ragazze praticamente nude in mezzo alla strada , atti sessuali tra le abitazioni anche in pieno giorno . Una vera e propria terra di nessuno. Si trova di tutto. Le zone sembrano esser ben ripartite tra prostitute . Quelle di nazionalità rumena, che stazionano lungo la Via Ardeatina, quelle dell'est (bulgare, ucraine, moldave), che “ hanno ” gli spazi che ricadono sotto il

Quello che nessuno osa dire di Maometto

Sono molto orgogliosa di essere definita " razzista " perché NON amo l'Islam Non odio i mussulmani in quanto persone , poveretti sono nati semplicemente in un posto sbagliato, in mezzo ad una cultura intrisa di Islam, non hanno colpe. Ma non capisco coloro che si convertono all' Islam da grandi. Semplicemente inconcepibile, come Silvia Romano , convertita nella religione di chi la rapì. Fatevi qualche domanda , tra tutte le religioni al mondo l' Islam è l'unica che nasce dall'oggi al domani per " ispirazione " di un certo Maometto . Si dice che il Corano non lo scrisse nemmeno lui, il Profeta, ( alcuni pensano, anche in ambienti islamici, che era pure analfabeta ), ma lo dettò ai suoi seguaci, e la stesura definitiva fu scritta da " qualcuno " dopo la sua morte. Ma chi era Maometto Perfino Dante lo colloca all'Inferno (Canto XXVIII) Tra i commenti dei miei post c'è sempre qualcuno che mi definisce " ra

La Convenzione di Ginevra compie 70 anni

L'anniversario sul trattato a difesa dei diritti del " Rifugiato " Uno dei trattati più sottoscritti a livello internazionale Definisce chi è un rifugiato e i diritti dei singoli che hanno ottenuto l'asilo e le responsabilità delle nazioni. A fine 2020 erano quasi 21 milioni i rifugiati nel mondo. Compie 70 anni . La Convenzione sui rifugiati, fondamentale strumento giuridico internazionale a difesa di chi fugge da persecuzioni, discriminazioni, violenze, guerre e che chiede asilo in un altro paese, è stata approvata in una speciale conferenza delle Nazioni Unite, tenuta a Ginevra il 28 luglio 1951 . Anche se entrerà in vigore il 22 aprile del 1954. Ad oggi gli stati firmatari della Convenzione sono 149 , rendendola uno dei trattati internazionali più sottoscritti. È un trattato multilaterale dell’Onu che definisce chi è un rifugiato e i diritti dei singoli che hanno ottenuto l’asilo e le responsabilità delle nazioni che garantiscono l’asilo medesimo. «