Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2015

Che fine hanno fatto le studentesse nigeriane rapite dal "bastardo" Islam

Immagine
Parlano i genitori delle ragazze sequestrate dagli islamisti . Dopo la campagna internazionale #BringBackOurGirls , tutti se ne sono dimenticati, nonostante dopo di loro più di  duemila altre ragazze siano state rapite dal " bastardo " Islam . Pur conoscendo la prigionia e le terribili sevizie a cui sono costrette le figlie , i loro padri sono ancora capaci di sperare . A raccontare la situazione in cui vivono le famiglie delle studentesse nigeriane di Chibok, rapite nell'aprile del 2014 dai terroristi islamici di Boko Haram, è stata Kristin Wright , presidente di Open Doors Usa . " Uno dei papà, quando gli è stato chiesto dove credi che sia tua figlia?, ha risposto: È nelle mani di Dio. Una certezza è condivisa da tutti i loro genitori ". Le minacce . Delle studentesse cristiane si sa ben poco , ma si ipotizza che siano state violentate, costrette a convertirsi all'Islam, date in moglie ai terroristi, diventate schiave sessuali. Abigail Jo

Aumentato nel 2015 il numero di vittime di "tratta" arrivate via mare

Immagine
Nei primi nove mesi del 2015 è aumentato in modo esponenziale il numero potenziale di vittime di tratta arrivate in Italia via mare rispetto all'anno precedente . Sono i dati forniti dall' OIM ( Organizzazione Internazionale delle Migrazioni ). La Tratta di esseri umani è una delle forme di schiavitù moderna più diffusa del ventunesimo secolo , un reato odioso perché umilia donne e uomini riducendoli alla stregua di vere e proprie merci, " qualcosa " da cui trarre profitto con metodi sempre più crudeli. La tratta è un crimine transnazionale che sconvolge la vita di migliaia di persone ed è causa di inaudite sofferenze. Dopo droga e armi è il traffico più lucrativo al mondo. Secondo le Nazione Unite muove un business da 32 miliardi di dollari all'anno . Da qualche mese si osserva un incremento esponenziale di arrivi via mare di donne africane, provenienti in modo particolare dalla Nigeria . Molte di loro hanno caratteristiche e raccontano sto

Risorse per pochi, briciole per troppi. Sfida "Fame Zero"

Immagine
La Giornata Mondiale dell'Alimentazione (16 ottobre) quest'anno coincide con il tema dell'esposizione universale di Milano, Expo 2015 " Nutrire il pianeta. Energia per la vita ". La sfida Fame Zero offre la visione di un mondo libero dalla fame, dove è possibile allo stesso tempo andare incontro alla crescente domanda di cibo e affrontare le nuove sfide ambientali. " Risorse per pochi, briciole per troppi " .. Attualmente nel mondo la produzione alimentare globale sarebbe sufficiente a sfamare tutto il pianeta che si avvia, entro il 2030 , ad arrivare a nove miliardi di abitanti , eppure due miliardi di persone non ha accesso al cibo in modo regolare , e 795 milioni sono coloro che soffrono di malnutrizione . Dall'altra parte, al contrario, una buona fetta di mondo " spreca " il cibo . Il mercato mondiale del cibo nelle mani di 10 multinazionali . Secondo Oxfam International , una confederazione di 17 organizzazioni non governati

Thomas Sankara. Quel giorno uccisero la felicità

Immagine
Il 15 ottobre 1987 fu un giorno triste per l'Africa . Ma, a pensarci bene forse lo fu per il mondo intero . Quel giorno infatti, alle 16.30 a Ouagadougou, la capitale del Burkina Faso, un piccolo e insignificante stato dell'Africa Centro-Occidentale, fu ucciso Thomas Sankara , che di quel paese era il Presidente dal 4 agosto 1983 . Thomas Sankara , per molti il " Che Guevara d'Africa ", era un uomo semplice e forse proprio per l'apparente semplicità delle sue idee e dei suoi comportamenti divenne scomodo, tanto, troppo fino ad essere ucciso. La sua semplicità stava nell'essere prima che un leader e un Presidente , un uomo di strada, che amava girare per il suo paese e che osservava quello che capitava, non dal vetro oscurato di un'auto di lusso, ma dalla sua bicicletta o dal vetro infangato di una vecchia Renault 6. I suoi pensieri erano talmente semplici, che furono e sono, ancora oggi, rivoluzionari . Pensare che la politica non

Giornata Internazionale delle Bambine e delle Adolescenti

Immagine
" Per il mondo, l'opinione pubblica internazionale e perfino per la maggior parte delle organizzazioni umanitarie internazionali le adolescenti e le bambine sono quasi scomparse. Non avere investito in politiche e programmi su misura per loro, le ha rese quasi invisibili " La Giornata Internazionale delle Bambine e delle Adolescenti fu istituita dall'ONU nel 2011 e si ricorda ogni anno l' 11 ottobre , viene dedicata al ruolo fondamentale che deve essere riconosciuto alle adolescenti ( 10-19 anni ) nella nuova strategia globale per lo sviluppo umano così come definita dagli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile ( SDG ) approvati poche settimane fa dalla comunità internazionale. I numeri della discriminazione . Nel mondo oggi sono quasi 600 milioni le adolescenti tra 10 e 19 anni, con potenzialità illimitate che spesso non possono trovare espressione a causa della discriminazione di genere e della carenza di investimenti nelle politiche sociali mirate