Passa ai contenuti principali

Che fine hanno fatto le studentesse nigeriane rapite dal "bastardo" Islam

Parlano i genitori delle ragazze sequestrate dagli islamisti. Dopo la campagna internazionale #BringBackOurGirls, tutti se ne sono dimenticati, nonostante dopo di loro più di duemila altre ragazze siano state rapite dal "bastardo" Islam.

Pur conoscendo la prigionia e le terribili sevizie a cui sono costrette le figlie, i loro padri sono ancora capaci di sperare. A raccontare la situazione in cui vivono le famiglie delle studentesse nigeriane di Chibok, rapite nell'aprile del 2014 dai terroristi islamici di Boko Haram, è stata Kristin Wright, presidente di Open Doors Usa. "Uno dei papà, quando gli è stato chiesto dove credi che sia tua figlia?, ha risposto: È nelle mani di Dio. Una certezza è condivisa da tutti i loro genitori".

Le minacce. Delle studentesse cristiane si sa ben poco, ma si ipotizza che siano state violentate, costrette a convertirsi all'Islam, date in moglie ai terroristi, diventate schiave sessuali.

Abigail John, 15 anni, scappata da Boko Haram dopo un mese di prigionia, aveva raccontato "Mi dicevano che le ragazze di Chibok avevano cominciato una nuova vita, imparando a combattere. Insistevano che anche noi saremmo dovute diventare come loro e accettare l’islam (…) si divertivano a raccontare come le frustavano e le picchiavano fino a quando non cedevano"

Una delle ultime testimonianze è di un’altra quindicenne, Victoria Yohanna, sfuggita ai miliziani che "sanno solo uccidere in nome di Allah" dopo essere stata rapita il gennaio scorso a Baga insieme ad altre 400 persone. "Ogni mattina prendevano gli ostaggi per educarli nella scuola islamica. Dicevano che il corano è la religione di Dio"

In continuo pericolo. Oggi quella zona resta in pericolo, continuamente minacciata da un nuovo attacco terroristico. Anzi "a Chibok le cose sono persino peggiorate"

Pensereste che con i riflettori puntati dai media la situazione in questa zona sarebbe migliorata, ma sfortunatamente il problema della sicurezza è ancora allarmante. Tanto che questi padri affrontano il pericolo ogni giorno, dovendo proteggere le loro famiglie.

Le difficoltà per raggiungere Chibok sono, infatti, enormi. E nonostante la campagna #BringBackOurGirls, lanciata dopo il rapimento, avesse fatto pensare che la situazione sarebbe cambiata, ora sono costantemente spaventati dal fatto che Boko Haram attacchi nuovamente.

"Queste famiglie, in molti casi, si sentono incredibilmente dimenticate dalla comunità internazionale"

Mi sconvolge il pensiero che questo "occidente" si sia mobilitato per i "pochi" morti di "Charlie Hebdo" ma che se ne sia "fregato" per i 5.000 morti (cinquemila) causati dal "bastardo" Islam solo in questo 2015 nella mia Nigeria.

Mi sconvolge il pensiero che questo "occidente" dopo essersi mobilitato per le 278 studentesse "cristiane" rapite a Chibok nell'aprile 2014, se ne sia "fregato" delle altre DUEMILA rapite dopo di loro.

Ma così è, questo "occidente" ipocrita che continua a costruire MOSCHEE per chi distrugge CHIESE nella mia Nigeria.

Altri di articoli 
BringBackOurGirls
Aborto e le donne
abusate da Boko Haram
- leggi -
Violentate
perché possano partorire i futuri soldati di Boko Haram
- leggi -
Orrore in Nigeria,
214 ragazze liberate sono incinta. Violentate da Boko Haram
- leggi -
Nigeria. Le ragazze
fuggite da Boko Haram raccontano
- leggi -







Articolo di

Commenti

Post popolari in questo blog

Le Strade del Sesso. Ardea e Pomezia, il degrado alla luce del sole

Via Ardeatina , Via di Valle Caia , Santa Palomba , quando la decenza non ha più limiti. Degrado, prostituzione, oscenità impunita . Continua il nostro racconto sulle "Strade del Sesso " in Italia. C’è di tutto su alcune strade del territorio , una vita che scorre parallela, dove sembra che le regole del vivere comune non esistano, una sorta di zona “ franca ” dove vale tutto e si può tutto. Lo scenario che è davvero deprimente. Sono le vie del sesso del territorio di Pomezia e Ardea, alle porte di Roma . Degrado e impunità, è la terra di nessuno Un senso del pudore inesistente , ragazze praticamente nude in mezzo alla strada , atti sessuali tra le abitazioni anche in pieno giorno . Una vera e propria terra di nessuno. Si trova di tutto. Le zone sembrano esser ben ripartite tra prostitute . Quelle di nazionalità rumena, che stazionano lungo la Via Ardeatina, quelle dell'est (bulgare, ucraine, moldave), che “ hanno ” gli spazi che ricadono sotto il

Quello che nessuno osa dire di Maometto

Sono molto orgogliosa di essere definita " razzista " perché NON amo l'Islam Non odio i mussulmani in quanto persone , poveretti sono nati semplicemente in un posto sbagliato, in mezzo ad una cultura intrisa di Islam, non hanno colpe. Ma non capisco coloro che si convertono all' Islam da grandi. Semplicemente inconcepibile, come Silvia Romano , convertita nella religione di chi la rapì. Fatevi qualche domanda , tra tutte le religioni al mondo l' Islam è l'unica che nasce dall'oggi al domani per " ispirazione " di un certo Maometto . Si dice che il Corano non lo scrisse nemmeno lui, il Profeta, ( alcuni pensano, anche in ambienti islamici, che era pure analfabeta ), ma lo dettò ai suoi seguaci, e la stesura definitiva fu scritta da " qualcuno " dopo la sua morte. Ma chi era Maometto Perfino Dante lo colloca all'Inferno (Canto XXVIII) Tra i commenti dei miei post c'è sempre qualcuno che mi definisce " ra

La Convenzione di Ginevra compie 70 anni

L'anniversario sul trattato a difesa dei diritti del " Rifugiato " Uno dei trattati più sottoscritti a livello internazionale Definisce chi è un rifugiato e i diritti dei singoli che hanno ottenuto l'asilo e le responsabilità delle nazioni. A fine 2020 erano quasi 21 milioni i rifugiati nel mondo. Compie 70 anni . La Convenzione sui rifugiati, fondamentale strumento giuridico internazionale a difesa di chi fugge da persecuzioni, discriminazioni, violenze, guerre e che chiede asilo in un altro paese, è stata approvata in una speciale conferenza delle Nazioni Unite, tenuta a Ginevra il 28 luglio 1951 . Anche se entrerà in vigore il 22 aprile del 1954. Ad oggi gli stati firmatari della Convenzione sono 149 , rendendola uno dei trattati internazionali più sottoscritti. È un trattato multilaterale dell’Onu che definisce chi è un rifugiato e i diritti dei singoli che hanno ottenuto l’asilo e le responsabilità delle nazioni che garantiscono l’asilo medesimo. «