Post

Visualizzazione dei post da Luglio, 2015

Trokosi, le schiave del Dio. Le bambine punite per colpa dei familiari

Immagine
Mary, di nove ani, è una Trokosi del tempio di Tro nell'isola di Mafi sul fiume Volta, Ghana. Dovrà restare 10 anni come schiava del sacerdote per espiare un furto commesso da un fratello La regione occidentale dell'Africa Sub-Sahariana, in particolare Ghana , Togo , Benin e Nigeria meridionale la tradizione animista è molto forte e radicata al punto che alcune usanze sono talmente radicate che oggi, nel duemila, non sono ancora del tutto sconfitte. I colonizzatori europei hanno portato le religioni europee, soprattutto il cristianesimo con le sue diverse fedi ( Cattolica, Protestante, Pentecostale, ecc.. ), la gente africana di questi luoghi si dice che possegga due religioni, quella cristiana, e quella degli antichi riti del woodoo. Il profondo culto animista resiste soprattutto nelle regioni e nei villaggi più sperduti , tra la popolazioni più isolate e meno istruite. Resistono tradizioni, tradizioni e paure di cui i sacerdoti woodoo si approfittano per

Comunità Pentecostale, nigeriani del Friuli. Comunicato

Immagine
COMUNICATO Noi " cristiani " di Nigeria siamo stati perseguitati, uccisi, abbiamo subito ogni sorta di violenza nei luoghi dove siamo nati e dove siamo cresciuti. Da sei anni stiamo subendo l'odio atroce e selvaggio di assassini che vorrebbero annientarci in nome di un Dio che si chiama Allah. Noi " cristiani " di Nigeria non abbiamo mai preso in mano una sola volta un'arma per far male al nostro vicino mussulmano, mentre l'islam integralista nella nostra Nigeria massacra , rapisce le nostre ragazze , brucia i nostri villaggi , distrugge le nostre Chiese e le nostre scuole , uccide i nostri figli , padri e nonni. Usa le nostre bambine come bombe umane . La comunità " nigeriana di fede pentecostale " del Friuli è sbalordita dall'ignoranza che troppi italiani hanno ancora su questi temi, credono ancora che questi siano semplici terroristi, ma nei territori che loro conquistano, le bambine non possono più andare a scuola, le

I matrimoni abusati del Kenya, in barba alla legge

Immagine
Specie nelle aree del nord-est del Kenya è diffusa la pratica di combinare matrimoni tra ragazzine minorenni e uomini maturi . In barba alla legge . Sono ragioni economiche a determinare la scelta delle famiglie. La legge matrimoniale ( Mariage Act 2014 ), adottata un anno fa dal Kenya, non ha fermato la pratica dei matrimoni tra ragazzine sotto i 18 anni e uomini adulti . Anzi è in aumento . La stessa legge kenyana adottata un anno fa e che impedisce alle minorenni di sposarsi, ha invece reso legale la poligamia , ripristinando la tradizione in vigore prima della colonizzazione inglese. Una contraddizione che ha provocato l'effetto contrario a quello voluto . Attualmente, il 26% delle adolescenti contrae matrimonio prima della maggiore età, secondo l’organizzazione Girls Not Brides , stime che raggiungono il 34% per l’ONG Plan international ( Promoting child rights to end child poverty ) nelle zone più povere del paese. È molto più facile sposare una " bambi

In una sola ora, ogni ora, 48 donne sono stuprate nella Repubblica Democratica del Congo

Immagine
Zawadi Luendo, 30 anni " Se al mercato del matrimonio una donna vale una dote di 22 capre, una ragazza stuprata ne vale solo due " Nord Kivu , nord-est della Repubblica Democratica del Congo e in una sola ora 48 donne saranno stuprate . Ma evidentemente questi numeri non fanno abbastanza impressione: 400mila donne violentate in un anno, una media di 48 all’ora , quasi una al minuto . Zawadi Luendo ( la ragazza nella foto ) è una delle tante. Ha 30 anni e la vedete mentre culla sua figlia. Nella casa sullo sfondo Zawadi è stata stuprata da tre miliziani nel giugno scorso a Luvungi . Accade ogni giorno , ogni minuto nella remotissima parte orientale della Repubblica Democratica del Congo ( RDC ), da anni teatro di una guerra irregolare affollata di eserciti e milizie più o meno legate a Paesi vicini ( Rwanda ), conflitti etnici ( non solo Hutu e Tutsi ) e battaglie per il controllo delle risorse naturali. Questo " paradiso " sta tra il Nord Kivu

La Grecia come l'Africa nella trappola dei debiti

Immagine
È di questa notte l'approvazione del parlamento greco delle misure " lacrime e sangue " imposte dall' Unione Europea e dal FMI . Approvazione avvenuta non senza " ferite " per il partito di Tsipras e non senza scontri di piazza. Premesso che anche la Grecia ha le sue belle colpe , ma come conferma lo stesso FMI ( Fondo Monetario Internazionale ) il debito accumulato attualmente dalla Grecia è " insostenibile " e non potrà mai essere pagato . Detto in parole povere è un non senso per la stessa Europa concedere nuovi prestiti per permettere alla Grecia di pagare vecchi debiti . Prestiti concessi in cambio di riforme che impoveriscono sempre di più il popolo. Meglio sarebbe stato fare una scelta coraggiosa e lungimirante , semplicemente cancellare il debito greco . Negli anni '80 Thomas Sankara , leader illuminato del Burkina Faso , chiedeva la cancellazione dei debiti per i paesi africani. Per questa sua visione che ebbe consens

Le bambine kamikaze di Boko Haram

Immagine
Il disprezzo che Boko Haram nutre per la figura femminile , anche quella di religione islamica , è tale che la donna viene vista solo come " fattrice " o schiava alla quale far fare qualsiasi cosa. Anche la bomba umana . Per il gruppo islamista nigeriano una bambina di dieci anni non è una creatura da proteggere ma una cosa di cui servirsi, e l'uso sistematico di giovani ragazze e di bambine anche di dieci anni ne è la dimostrazione . In fondo la Nigeria è il Paese più popoloso dell’Africa e di bambine ce ne sono a migliaia, soprattutto povere . I miliziani le rapiscono mentre vanno a scuola o mentre fanno razzia nei villaggi . Boko Haram è diventata tristemente nota a livello mondiale nell'aprile dello scorso anno dopo il sequestro di quasi 300 studentesse da una scuola di Chibok , nello Stato di Borno. I terroristi hanno poi fatto sapere che le avrebbero trattate come schiave sessuali. Una vicenda che provocò lo sdegno unanime di tutto il mondo - B