Passa ai contenuti principali

Jorr, dal Gambia all'Italia. Storia di una bambina coraggiosa

Jorr al suo arrivo a Lampedusa
"È tanto lontana da qui Reggio Emilia?", è la prima cosa che ha detto Jorr appena arrivata a Lampedusa.

La Storia di Jorr, bambina di 8 anni, un piccolo angelo dal Gambia, 4.000 chilometri da sola senza un soldo, ma con un biglietto e un numero di telefono italiano stretto tra le mani, quello di suo papà, un rifugiato politico che si trova a Reggio Emilia in attesa di un permesso di soggiorno. Jorr si è fatta 5 mesi di viaggio solo per vedere il padre.

Una storia da libro Cuore che ci ha davvero commosso. Jorr è arrivata il 27 settembre 2013 in Sicilia a bordo di una nave mercantile con altri 183 immigrati, e ha chiesto subito dove si trova Reggio Emilia. Ora la piccola Jorr si trova a Palermo in una struttura protetta, e presto vedrà suo padre, auguriamo a tutti e due di vivere felici in Italia, magari assieme alla mamma che è ancora in Gambia.

Jorr con suo padre
Jorr rivede suo papà
Giovedì 12 dicembre Jorr ha potuto riabbracciare il papà, proprio nel giorno del suo ottavo compleanno. Per lei un bellissimo regalo di Natale.

La speranza è diventata realtà. Mentre era ancora a scuola con i suoi compagni, l’ha visto spuntare all'improvviso. Una sorpresa che le ha tolto il fiato e l'ha gettata al collo del papà, Abdoulie Gai, per tutta la mattina ha continuato a ripetere "Sei qui, papà sei qui. Guardami, guardami". E poi, con un sorriso gigante stampato sulla faccia, indicava uno dopo l’altro tutti i nuovi compagni di classe, le maestre, i volontari della struttura di Piana degli Albanesi che l’ha accolta insieme alla zia Absa.

Abdoulie Gai ha 27 anni ed è arrivato a Palermo dopo 17 ore di treno e un biglietto acquistato mettendo da parte la paghetta settimanale come migrante in attesa di asilo, vuole ricominciare una vita in Italia con la sua famiglia: Jorr, appena ritrovata, ma anche la moglie Margot incinta, ancora in Gambia con altri due figli.

"In Gambia avevo un impiego come meccanico. So lavorare il ferro e l’acciaio e sono sicuro che a Reggio Emilia riuscirò a trovare lavoro come operaio. Quello che voglio è vivere qui con tutta la mia famiglia".

Jorr e il padre nella struttura di Piana degli Albanesi con gli insegnanti e il personale


Approfondimenti


Commenti

Post popolari in questo blog

Le Strade del Sesso. Ardea e Pomezia, il degrado alla luce del sole

Via Ardeatina , Via di Valle Caia , Santa Palomba , quando la decenza non ha più limiti. Degrado, prostituzione, oscenità impunita . Continua il nostro racconto sulle "Strade del Sesso " in Italia. C’è di tutto su alcune strade del territorio , una vita che scorre parallela, dove sembra che le regole del vivere comune non esistano, una sorta di zona “ franca ” dove vale tutto e si può tutto. Lo scenario che è davvero deprimente. Sono le vie del sesso del territorio di Pomezia e Ardea, alle porte di Roma . Degrado e impunità, è la terra di nessuno Un senso del pudore inesistente , ragazze praticamente nude in mezzo alla strada , atti sessuali tra le abitazioni anche in pieno giorno . Una vera e propria terra di nessuno. Si trova di tutto. Le zone sembrano esser ben ripartite tra prostitute . Quelle di nazionalità rumena, che stazionano lungo la Via Ardeatina, quelle dell'est (bulgare, ucraine, moldave), che “ hanno ” gli spazi che ricadono sotto il

Quello che nessuno osa dire di Maometto

Sono molto orgogliosa di essere definita " razzista " perché NON amo l'Islam Non odio i mussulmani in quanto persone , poveretti sono nati semplicemente in un posto sbagliato, in mezzo ad una cultura intrisa di Islam, non hanno colpe. Ma non capisco coloro che si convertono all' Islam da grandi. Semplicemente inconcepibile, come Silvia Romano , convertita nella religione di chi la rapì. Fatevi qualche domanda , tra tutte le religioni al mondo l' Islam è l'unica che nasce dall'oggi al domani per " ispirazione " di un certo Maometto . Si dice che il Corano non lo scrisse nemmeno lui, il Profeta, ( alcuni pensano, anche in ambienti islamici, che era pure analfabeta ), ma lo dettò ai suoi seguaci, e la stesura definitiva fu scritta da " qualcuno " dopo la sua morte. Ma chi era Maometto Perfino Dante lo colloca all'Inferno (Canto XXVIII) Tra i commenti dei miei post c'è sempre qualcuno che mi definisce " ra

La Convenzione di Ginevra compie 70 anni

L'anniversario sul trattato a difesa dei diritti del " Rifugiato " Uno dei trattati più sottoscritti a livello internazionale Definisce chi è un rifugiato e i diritti dei singoli che hanno ottenuto l'asilo e le responsabilità delle nazioni. A fine 2020 erano quasi 21 milioni i rifugiati nel mondo. Compie 70 anni . La Convenzione sui rifugiati, fondamentale strumento giuridico internazionale a difesa di chi fugge da persecuzioni, discriminazioni, violenze, guerre e che chiede asilo in un altro paese, è stata approvata in una speciale conferenza delle Nazioni Unite, tenuta a Ginevra il 28 luglio 1951 . Anche se entrerà in vigore il 22 aprile del 1954. Ad oggi gli stati firmatari della Convenzione sono 149 , rendendola uno dei trattati internazionali più sottoscritti. È un trattato multilaterale dell’Onu che definisce chi è un rifugiato e i diritti dei singoli che hanno ottenuto l’asilo e le responsabilità delle nazioni che garantiscono l’asilo medesimo. «