Passa ai contenuti principali

Giornata Mondiale dell'Alimentazione. Nove cose da sapere

Non una, ma tante malnutrizioni diverse: 842 milioni di persone nel mondo soffrono la fame ogni giorno, mentre un bambino su quattro al di sotto dei cinque anni soffre di disturbi della crescita. Circa 2 miliardi di persone non ricevono le vitamine e i minerali necessari per essere in buona salute. 1,4 miliardi di persone, invece, sono sovrappeso. Di queste, circa un terzo è obeso e a rischio di malattia cardiaca coronarica, diabete o altre patologie.

Il 16 ottobre è la Giornata Mondiale dell'Alimentazione, un evento planetario che vuole aiutare tutti a comprendere le cause della Fame nel Mondo e intraprendere azioni concrete per debellare il fenomeno. Abbiamo individuato 9 punti che possono aiutare a saperne di più su questo grave, ma risolvibile problema.

  1. Il termine "fame globale" indica la mancanza o scarsità di cibo nei vari Paesi del mondo. Malnutrizione e denutrizione indicano la mancanza di alcuni o di tutti gli elementi nutritivi necessari per la crescita e per la salute umana.
  2. Secondo il "Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite", una persona su 8 non ha abbastanza cibo per condurre una vita attiva e sana. Oltre 840 milioni di persone in tutto il mondo, pari alla popolazione dell'Europa e degli USA messi insieme, sono affamate.
  3. L'Asia è il continente con il più alto numero di persone che soffrono di fame (circa 552 milioni), ma l'Africa Sub-sahariana è la regione con maggior presenza di persone che soffrono di denutrizione. Un africano su 4 (circa il 24,8%) soffre la fame.
  4. La fame e la malnutrizione sono le minacce più gravi per la salute globale, più che l'AIDS, malaria e tubercolosi messe insieme.
  5. I bambini malnutriti sono malati per circa 160 giorni all'anno. La cattiva alimentazione è la causa principale della morte di circa 2 milioni di bambini ogni anni.
  6. La denutrizione amplifica l'effetto di ogni malattia, compresi il morbillo e la malaria.
  7. In tutto il mondo, un bambino su 4 soffre di rachitismo. Nei paesi in via di sviluppo la percentuale sale a un bambino su 3. L'80% dei bambini rachitici vive in soli 20 paesi.
  8. Attualmente viene prodotto abbastanza cibo per tutti gli abitanti della terra, in modo che ognuno possa avere almeno 2.720 calorie al giorno, l'equivalente di 3 o 4 tazze di riso. Il numero di calorie che ogni persona ha bisogno varia in base all'età e alle attività di lavoro, ma la media consigliata è 2.500 calorie per gli uomini e 2.000 calorie per le donne. Ma se è vero che il cibo prodotto è sufficiente mediamente per tutti è altrettanto vero che non viene distribuito nel modo corretto, nei paesi ricchi il cibo viene sprecato, mentre i quelli più poveri è mancante.
  9. Secondo il rapporto delle Nazioni Unite la crescita economica è fondamentale per la riduzione della fame. La crescita non porterà a migliori posti di lavoro per tutti, a meno che gli Stati non sviluppino politiche adeguate nei confronti dei poveri, soprattutto per quelli che vivono in aree rurali. Nei paesi poveri, la riduzione della fame e della povertà potrà essere raggiunta solo con una crescita economica condivisa.



Commenti

Post popolari in questo blog

Le Strade del Sesso. Ardea e Pomezia, il degrado alla luce del sole

Via Ardeatina , Via di Valle Caia , Santa Palomba , quando la decenza non ha più limiti. Degrado, prostituzione, oscenità impunita . Continua il nostro racconto sulle "Strade del Sesso " in Italia. C’è di tutto su alcune strade del territorio , una vita che scorre parallela, dove sembra che le regole del vivere comune non esistano, una sorta di zona “ franca ” dove vale tutto e si può tutto. Lo scenario che è davvero deprimente. Sono le vie del sesso del territorio di Pomezia e Ardea, alle porte di Roma . Degrado e impunità, è la terra di nessuno Un senso del pudore inesistente , ragazze praticamente nude in mezzo alla strada , atti sessuali tra le abitazioni anche in pieno giorno . Una vera e propria terra di nessuno. Si trova di tutto. Le zone sembrano esser ben ripartite tra prostitute . Quelle di nazionalità rumena, che stazionano lungo la Via Ardeatina, quelle dell'est (bulgare, ucraine, moldave), che “ hanno ” gli spazi che ricadono sotto il

Le truffe romantiche via facebook. Centinaia di donne coinvolte in Italia, migliaia in tutto il mondo

In inglese si chiama "Romantic Scam", è una truffa di tipo psicologico e affettivo, per questo molto difficile da dimostrare e da perseguire legalmente. Avviene via social, per lo più attraverso facebook. Il truffato nella maggior parte dei casi è una donna che si dichiara sentimentalmente sola , magari vedova, separata o divorziata. Immaginate un latin-lover d'altri tempi che fa innamorare di lui una donna benestante e poi vive nel lusso alle sue spalle, o magari che si fa dare denaro e poi sparisce. La truffa romantica è qualcosa di simile , solo che nell'epoca di facebook e dei social network si è evoluta, si è diffusa in tutto il mondo, e alla base della truffa non c'è più una sola persona ma una vera e propria organizzazione criminale. Ad oggi possiamo solo sapere che l' 80% delle truffe messe a segno con questo metodo parte dalla Nigeria, ma anche dal Ghana e dalla Costa d'Avorio. Di recente si è scoperto che un'intero villag

Quello che nessuno osa dire di Maometto

Sono molto orgogliosa di essere definita " razzista " perché NON amo l'Islam Non odio i mussulmani in quanto persone , poveretti sono nati semplicemente in un posto sbagliato, in mezzo ad una cultura intrisa di Islam, non hanno colpe. Ma non capisco coloro che si convertono all' Islam da grandi. Semplicemente inconcepibile, come Silvia Romano , convertita nella religione di chi la rapì. Fatevi qualche domanda , tra tutte le religioni al mondo l' Islam è l'unica che nasce dall'oggi al domani per " ispirazione " di un certo Maometto . Si dice che il Corano non lo scrisse nemmeno lui, il Profeta, ( alcuni pensano, anche in ambienti islamici, che era pure analfabeta ), ma lo dettò ai suoi seguaci, e la stesura definitiva fu scritta da " qualcuno " dopo la sua morte. Ma chi era Maometto Perfino Dante lo colloca all'Inferno (Canto XXVIII) Tra i commenti dei miei post c'è sempre qualcuno che mi definisce " ra