Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2019

Matteo Salvini, il ministro dell'odio e della discriminazione. La sua Europa non esiste

Immagine
Non a caso scrivo questi pensieri nel " Giorno della Memoria ", del ricordo dei campi di concentramento, dell'orrore nazista, delle leggi razziali, dell'olocausto. Un ministro social Ogni giorno video intrisi di cinismo e propaganda, tutti i giorni almeno una decina di tweet e messaggi deliranti su facebook per propagandare ai suoi fans la sua durezza, la sua ipocrisia, la sua mancanza di etica e compassione nei confronti di chi soffre. " Aiutiamoli a casa loro ", " I porti resteranno chiusi ", " Non sbarcherà più nessuno ", " Prima gli italiani ". Frasi ripetute come un mantra, con ossessione. L'ossessione di un uomo incattivito dal potere. Il Decreto sicurezza Che io considero " la prima legge razziale del XXI secolo " . A centinaia in strada, senza dimora. Intere famiglie, anche i bambini. Sono gli effetti del " decreto sicurezza " fortemente voluto dal ministro dell'interno.

Manifesto delle Ragazze di Benin City. Fermiamo insieme la mafia nigeriana che ci rende Schiave

Immagine
La prima volta che vai sulla strada per " lavorare " sei nel panico .  Hai paura, tristezza. Ti senti umiliata.  Io ricordo la strada .  Ricordo il marciapiede.  Ricordo la mia vergogna di stare lì, con dei vestiti assurdi. E l'attesa .  Ricordo l'attesa che qualcuno arrivasse e mi facesse un segno dal finestrino abbassato, che mi dicesse vieni, che dicesse quanto.  Ricordo ancora la voce dei primi che mi hanno chiamata , e la mia voce che rispondeva no, no, NO ! Non voglio farlo . Ma poi mi tornava nella testa il ricordo delle botte della mia mamam , il dolore di quelle sigarette spente sulle mie gambe, sulle mia braccia, sul mio seno, di quando rientravo e non avevo guadagnato abbastanza . Prendiamo atto che Dallo scorso anno c'è stata una drastica riduzione di arrivi di ragazze nigeriane , dobbiamo però tenere conto che negli anni precedenti, dal 2015 , sono arrivate in Italia più di 20.000 ragazze , e che due su cinque sono minorenni

Le ragazze di Chibok, l'Hotel Supramonte e Fabrizio De André. Il rapimento

Immagine
Il “ rapimento ” tra cronaca, musica, filosofia e psicologia. Gli occhi bendati di donne in fiamme e uomini soli che urlano pietà nel silenzio assordante della barbarie umana . “E se vai all'Hotel Supramonte e guardi il cielo Tu vedrai una donna in fiamme e un uomo solo E una lettera vera di notte falsa di giorno Poi scuse, accuse e scuse senza ritorno E ora viaggi, vivi, ridi o sei perduta Col suo ordine discreto dentro il cuore Ma dove, dov'è il tuo amore, ma dove è finito il tuo amore?” C'è una filosofica analogia tra il rapimento di Fabrizio De André , di cui proprio oggi si ricordano i 20 anni della sua scomparsa , e  della moglie Dori Ghezzi avvenuto nel 1979 , con quel rapimento di ragazze, studentesse all'epoca giovanissime, avvenuto a Chibok nel mia Nigeria nell'aprile 2014 . De André racconta il suo rapimento nella canzone " Hotel Supramonte ", mentre quelle ragazze nigeriane ricordano il loro nei diari e nei rac