Post

Visualizzazione dei post da Luglio, 2016

Tratta e Sfruttamento, ecco la mappa degli orrori

Immagine
30 luglio .. Giornata Mondiale contro la tratta di esseri umani . I minori vittima di schiavitù e grave sfruttamento nel mondo sarebbero, secondo le stime, un milione e 200 mila. Una vittima di tratta su cinque è un bambino o un adolescente.. In Italia la tratta di esseri umani è la terza fonte di reddito delle organizzazioni criminali . " Piccoli Schiavi Invisibili " Dossier Save the Children 2016 .. I minori stranieri non accompagnati restano i più vulnerabili, nei primi sei mesi dell’anno raddoppiati quelli giunti via mare in Italia ( 10.524 a fronte dei 4.410 dello stesso periodo del 2015). Tra i più colpiti, ragazze nigeriane e rumene, adolescenti egiziani e minori " in transito " Ragazze nigeriane e romene buttate per strada . Minori egiziani, bengalesi e albanesi costretti a spacciare. Giovani somali ed eritrei, "in transito" nel nostro Paese, vittime di sfruttamento. Nella Giornata mondiale contro la tratta di esseri umani , Save t

Nigeria, tra i profughi provocati da Boko Haram è crisi umanitaria

Immagine
" Siamo davanti ad un collasso alimentare. Le condizioni soprattutto dei più piccoli sono allarmanti, e molti di loro hanno un passato da bambino soldato . La violenza di Boko Haram va avanti, serve un intervento immediato " Si stima siano 2 milioni e 700 mila gli sfollati nell'area del Lago Ciad , che comprende Nigeria , Camerun , Niger e Ciad . Di questi, 2 milioni e 300 mila sono nigeriani. In quasi 2 milioni di casi si tratta di sfollati riconducibili al conflitto. " Siamo di fronte ad una crisi umanitaria trascurata dalla comunità internazionale, di cui nessuno si interessa se non per il ruolo di Boko Haram ". A parlare è Marco Loiodice , cooperante di COOPI   " Quello che sta succedendo oggi in Nigeria ricorda molto quanto successe anni fa in Rwanda, anche allora l’Occidente non si mosse, e non fornì nessuna risposta tempestiva ". Coopi è una onlus milanese che in Nigeria porta avanti programmi legati soprattutto alla nutrizione e

Dalla Nigeria all'Italia, il viaggio delle Ragazze di Benin City

Immagine
Dai racconti delle ragazze nigeriane rinchiuse nei Centri di accoglienza l'esperienza drammatica del viaggio che le ha portate in Italia , dal loro reclutamento nei villaggi di origine, le " case di transito ", gli autisti assoldati per attraversare il deserto, gli intermediari per i vari passaggi di frontiera e i contatti con i trafficanti che le attendono in Italia . Costrette a prostituirsi nei bordelli già in Libia . Le testimonianze sono state raccolte da mediatrici culturali e assistenti sociali di varie organizzazioni , in particolare da Be Free , cooperativa sociale contro la tratta . Viene raccontato il percorso e le modalità attraverso cui moltissime donne africane, e specificamente nigeriane, sono condotte illegalmente in Italia attraverso un viaggio molto lungo che prevede la loro permanenza ( da alcuni mesi a oltre un anno ) in Libia, dalle cui coste successivamente vengono imbarcate su barconi con destinazione Lampedusa. Dalle storie sottopost