Passa ai contenuti principali

Nude e umiliate, il rito che incatena le ragazze nigeriane alla mafia

Nude e umiliate, il rito che incatena le ragazze nigeriane alla mafia e le costringe a fare le prostitute. Castel Volturno, costretta a spogliarsi dalla "mamam" e a promettere fedeltà al boss. Il riscatto fissato in 30 mila euro per uscire dalla schiavitù.

Lo straordinario video-documento è stato girato con un telefonino e pubblicato dal Corriere della Sera. Un'arma di ricatto nei confronti della ragazza, da far vedere ad ogni mancanza, ad ogni sgarro, ogni volta che dirà di "no"



Un cerchio fatto con dei lumini che per la ragazza costretta a stare nel centro, diventerà una gabbia. L’hanno fatta spogliare e poi la filmano mentre le fanno ripetere un giuramento che la obbliga a prostituirsi e a raccogliere denaro per il suo "padrone".

È uno dei tanti abusi che le ragazze africane, che le nostre "Ragazze di Benin City" subiscono da parte di esponenti della mafia nigeriana. Il video è stato girato come prova e come arma di ricatto nei confronti della ragazza. Questa ragazza in particolare, era stata fatta arrivare in Italia con la promessa di un lavoro, ma dopo questo "rito" è stata spedita a prostituirsi a Dubai, Emirati Arabi Uniti.

Il Medio Oriente è la nuova frontiera della tratta delle donne africane da parte della mafia nigeriana, che fa arrivare queste ragazze in Italia e poi le smista in Medio Oriente, un mercato ricco, e dove queste ragazze sono costrette ad arricchire qualche "harem" di qualche signorotto locale, un mercato dove le donne sono solo "giocattoli", dove vengono comprate e vendute come "merce", e da dove con ogni probabilità queste ragazze non torneranno mai più indietro.

Quella di inviare alcune ragazze vittime della tratta nei paesi arabi sembra essere una vera e propria scelta
.

"Le mandano lì perché in Italia c’è crisi e poi perché hanno paura delle denunce. Qui in Italia le donne sono più tutelate. La mafia nigeriana pensa solo a far soldi e ora ha trovato questo nuovo canale per la prostituzione e lo utilizza. Le ragazze vengono ingannate e portate in Italia, se hanno figli glieli tolgono e le ricattano. Poi le sottopongono a questo giuramento e alla fine le mettono sui marciapiedi italiani o le mandano in Medio Oriente"

In questo caso la ragazza ha inviato da Dubai il documento come richiesta di aiuto a Christopher, un suo amico che vive a Castel Volturno, nel casertano, roccaforte del clan africano. Christopher è un nigeriano che spesso collabora con le forze dell’ordine per arrestare i trafficanti di uomini.

"Mi ha chiesto di aiutarla, di portare il video agli inquirenti perché arrestassero i suoi aguzzini e le restituissero la libertà". Nel video però non si vede in faccia né della "mamam" che le fa ripetere il giuramento, né il pastore della chiesa pentecostale dove la ragazza ha detto che è stato girato il filmato.

"Ho denunciato tutto ma spero di trovare altre prove che li incastrino definitivamente. Credo che a tutti noi faccia bene vedere come la mafia tratta le donne, anche se sono immagini drammatiche. Per loro sono solo merce e in questo video la ragazza viene mortificata, spaventata e trattata come una bestia"

Il filmato è girato con un telefonino e mostra una ragazza lasciata nuda che cerca di coprirsi mentre una voce femminile e crudele le urla di tenere giù le mani. La madame le fa giurare che restituirà il riscatto al suo "padrone" lavorando come prostituta.

"Quanto ti abbiamo addebitato?", chiede la mamam, "Non so, non me lo ricordo", risponde la vittima. "Trentamila euro, questo è il costo che addebito alle mie ragazze. Ora io ne ho 5, tu sei la sesta e andrai a Dubai mentre le altre sono ad Abu Dhabi"

Gli ultimi dati dell’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM) e le Caritas Italiane parlano di circa 1.700 ragazze nigeriane vittime di tratta solo a Castel Volturno costrette a prostituirsi con turni massacranti per soli 10 o 15 euro a "prestazione". In tutta Italia si calcola ce ne siano tra le 27.000 e le 30.000. Le nigeriane rappresentano circa il 35% di tutto il mercato della prostituzione coatta del "bel paese".

Nel video la mamam fa dire alla vittima che lavoro dovrà fare per pagare il suo riscatto e lei imbarazzata quasi non ci riesce. "Dillo in inglese, dici bitch!", le urla. "Giura che non darai problemi al tuo padrone e che non lo farai arrabbiare. Se non lo farai arrabbiare sarà buono con te". A quel punto le chiede dei figli. "Quanti ne hai? Maschio o femmina? Lavora, paga il riscatto e potrai farlo viaggiare e dargli il meglio", le dice in maniera subdola. La ragazza prova istintivamente ancora a coprirsi, annuisce sapendo che non sarà mai libera e che con quel giuramento sta firmando la sua condanna (a morte).
(Corriere della Sera)
La nostra Campagna Informativa
"Le Ragazze di Benin City"
- clicca qui -



Articolo a cura di

Commenti

Post popolari in questo blog

Le Strade del Sesso. Ardea e Pomezia, il degrado alla luce del sole

Via Ardeatina , Via di Valle Caia , Santa Palomba , quando la decenza non ha più limiti. Degrado, prostituzione, oscenità impunita . Continua il nostro racconto sulle "Strade del Sesso " in Italia. C’è di tutto su alcune strade del territorio , una vita che scorre parallela, dove sembra che le regole del vivere comune non esistano, una sorta di zona “ franca ” dove vale tutto e si può tutto. Lo scenario che è davvero deprimente. Sono le vie del sesso del territorio di Pomezia e Ardea, alle porte di Roma . Degrado e impunità, è la terra di nessuno Un senso del pudore inesistente , ragazze praticamente nude in mezzo alla strada , atti sessuali tra le abitazioni anche in pieno giorno . Una vera e propria terra di nessuno. Si trova di tutto. Le zone sembrano esser ben ripartite tra prostitute . Quelle di nazionalità rumena, che stazionano lungo la Via Ardeatina, quelle dell'est (bulgare, ucraine, moldave), che “ hanno ” gli spazi che ricadono sotto il

Quello che nessuno osa dire di Maometto

Sono molto orgogliosa di essere definita " razzista " perché NON amo l'Islam Non odio i mussulmani in quanto persone , poveretti sono nati semplicemente in un posto sbagliato, in mezzo ad una cultura intrisa di Islam, non hanno colpe. Ma non capisco coloro che si convertono all' Islam da grandi. Semplicemente inconcepibile, come Silvia Romano , convertita nella religione di chi la rapì. Fatevi qualche domanda , tra tutte le religioni al mondo l' Islam è l'unica che nasce dall'oggi al domani per " ispirazione " di un certo Maometto . Si dice che il Corano non lo scrisse nemmeno lui, il Profeta, ( alcuni pensano, anche in ambienti islamici, che era pure analfabeta ), ma lo dettò ai suoi seguaci, e la stesura definitiva fu scritta da " qualcuno " dopo la sua morte. Ma chi era Maometto Perfino Dante lo colloca all'Inferno (Canto XXVIII) Tra i commenti dei miei post c'è sempre qualcuno che mi definisce " ra

La Convenzione di Ginevra compie 70 anni

L'anniversario sul trattato a difesa dei diritti del " Rifugiato " Uno dei trattati più sottoscritti a livello internazionale Definisce chi è un rifugiato e i diritti dei singoli che hanno ottenuto l'asilo e le responsabilità delle nazioni. A fine 2020 erano quasi 21 milioni i rifugiati nel mondo. Compie 70 anni . La Convenzione sui rifugiati, fondamentale strumento giuridico internazionale a difesa di chi fugge da persecuzioni, discriminazioni, violenze, guerre e che chiede asilo in un altro paese, è stata approvata in una speciale conferenza delle Nazioni Unite, tenuta a Ginevra il 28 luglio 1951 . Anche se entrerà in vigore il 22 aprile del 1954. Ad oggi gli stati firmatari della Convenzione sono 149 , rendendola uno dei trattati internazionali più sottoscritti. È un trattato multilaterale dell’Onu che definisce chi è un rifugiato e i diritti dei singoli che hanno ottenuto l’asilo e le responsabilità delle nazioni che garantiscono l’asilo medesimo. «