Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2014

Isoke e le scelte che hanno cambiato la vita

Immagine
Isoke Aikpitanyi Isoke Aikpitanyi è una ragazza nigeriana di Benin City, una delle tante che decidono di lasciare la loro famiglia e il loro paese per cominciare una nuova vita in un Paese europeo più ricco. Il suo è un sogno di una vita normale , un lavoro, una casa e anche la possibilità di mandare un aiuto alla famiglia. Ma la scelta di partire si rivela una trappola terrificante. Isoke si ritrova a Torino di notte, sola e spaventata, ad attenderla ci sarà la sua " mamam ", una donna gentile che ben presto si rivela uno degli aguzzini che la costringeranno a prostituirsi. Notte e giorno, sette giorni su sette, in stato di gravidanza o subito dopo un aborto. Alla base c'è un'inaudita violenza fisica e psicologica. Le ragazze come Isoke sono infatti ricattate e minacciate di morte con le loro famiglie. Isoke con don Gallo Devono restituire i soldi anticipati per il viaggio e per la permanenza in Italia dall'organizzazione che le ha porta

Africa. Acqua diritto negato per 4 persone su 10

Immagine
Acqua Bene Primario Per milioni di africani l'acqua pulita è ancora un miraggio , e NON possiamo lavarcene le mani. L'accesso all'acqua pulita è un diritto umano fondamentale ma è ancora negato per più del 40% della popolazione n ell'Africa sub-sahariana. Senza acqua non c'è salute , né sviluppo. I danni all'agricoltura sono incalcolabili, il bestiame muore, le lezioni a scuola non si possono svolgere regolarmente e anche gli equilibri familiari sono " in sospeso " perché le donne sono costrette ad assentarsi per ore alla ricerca di acqua, lasciando incustoditi i figli. La mancanza di acqua pulita  costa ogni anno all'Africa Sub-sahariana il 5% del suo PIL ed è legata, direttamente o indirettamente, all'80% delle malattie. Nella regione metà della malattie sono legate all'uso di acqua " sporca " o " contaminata ", e dalla mancanza di servizi igienici adeguati.  Malattie causate dall'utilizzo d