Passa ai contenuti principali

Nigeria, l'Islam estremista di Boko Haram uccide e crea terrore

L'Islam di Boko Haram sta massacrando i Cristiani
in Nigeria nell'indifferenza dl mondo.
Ho sempre preso a cuore le vicende del paese in cui ho vissuto fino a 20 anni, il paese in cui vive ancora mia madre e due delle mie sorelle, in quel paese, nel bene o nel male, ho comunque trascorso la mia adolescenza.

La Nigeria è uno dei paesi più popolosi e più grandi dell'Africa, e dove c'è il petrolio, e questo era tutto quello che sapevo del mio paese quando 19 anni fa mi hanno portata via da Benin City, nell'Edo State, uno Stato a Sud.

Ma adesso la Nigeria sta vivendo uno dei peggiori periodi della sua stessa storia, e come tanti paesi africani non riesce ancora a liberarsi da quell'essere "vittima" del colonialismo passato e presente, e dalla "paura" di diventare finalmente un paese "fiero" della consapevolezza di essere un paese del tutto "libero" e "democratico".

La Nigeria NON sarà mai libera finché ricche compagnie straniere rubano il suo petrolio e inquinano un territorio grande come la Pianura Padana solo per farne scempio, e aggiungere ricchezza alla loro ricchezza - la nostra denuncia -

La Nigeria NON sarà mai libera finché la sua ricchezza non sarà più equamente distribuitaNel 2013 le istituzioni economiche mondiali hanno definito la Nigeria il paese più ricco dell'Africa, più ricco perfino del Sudafrica, peccato che si siano dimenticati di dire che il 90% della ricchezza è nelle mani del 15% della popolazione e gran parte di essa vive mediamente con soli due dollari al giorno.

La Nigeria NON sarà mai libera finché i suoi governanti sono corrotti, la polizia è corrotta, i militari e gli ufficiali dell'esercito sono corrotti, i burocrati sono corrotti .. i consolati all'estero e le ambasciate sparse nel mondo sono corrotte.

La Nigeria NON sarà mai libera finché permette alla mafia di sfruttare le sue giovani figlie per farne delle schiave sessuali in Europa.

La Nigeria NON sarà mai libera finché permette all'integralismo islamico di Boko Haram di imperversare nei suoi stati del nord e uccidere i cristiani, distruggere chiese, massacrare ragazzi inermi nelle scuole dove studiano, rapire ragazze per convertirle all'Islam.

Il villaggio di Amchaka (nel nord-est al confine con il Camerun)
La distruzione dopo l'attacco di Boko Haram
Boko Haram, chi sono .. i media occidentali li definiscono estremisti con l'obiettivo di creare uno stato islamico nel nord della Nigeria, io invece li definisco "bastardi assassini", vigliacchi che uccidono persone inermi nel sonno, uccidono i cristiani mentre pregano nelle loro Chiese, entrano nei villaggi e incendiano case dopo aver massacrato i loro abitanti .. Assassini che sorprendono studenti adolescenti mentre studiano e li ammazzano come fossero animali.

Uomini "senza dignità" che rapiscono ragazze per convertirle all'Islam e farne mogli schiave, vendute a ricchi "puttanieri", o costrette a soddisfare le voglie di sesso di uomini indegni di essere chiamati uomini, e che io invece definisco "merde umane".

A nemmeno quattro mesi dall'inizio di quest'anno ormai sono oltre mille le vittime innocenti di "Boko Haram" .. Io stessa non riesco a seguire in maniera dettagliata la "guerra" che, laggiù, nella mia Nigeria invece si combatte ogni giorno.

È dal 2009 che Boko Haram uccide in Nigeria .. nell'indifferenza del mondo.

2014
Nord Nigeria. Oltre mille persone uccise e 300.000 sfollati costretti alla fuga e a rifugiarsi nel vicino Camerun. Un esercito inetto e corrotto che, anziché contrastare gli attacchi degli integralisti, offre loro protezione.
  • 18 gennaio - Dopo l'entrata in vigore della legge omofoba (del 15 gennaio) è caccia ai gay da parte degli estremisti islamici. Presunti omosessuali vengono decapitati nelle pubbliche piazze - foto
  • 28 gennaio - Kawuri, 45 morti dopo un assalto di Boko Haram - video
  • 12 febbraio - Kanduga, 51 morti e 300 case bruciate - foto
  • 16 febbraio - Devastato il villaggio di Izghe, 106 persone trucidate - articolo
  • 25 febbraio - 58 morti dopo un attacco in un liceo di Buni Yadi nello Stato di Yobe, erano tutti studenti tra i 15 e i 20 anni - foto
  • 2 marzo - Attacco ai villaggi di Maidugori e Mainok, un centinaio di morti - foto
  • 14 marzo - Islamisti assaltano una prigione a Maidugori liberando un centinaio di islamisti arrestati dall'esercito nelle settimane precedenti - foto
  • 16 marzo - Attacco quasi contemporaneo a diversi villaggi (Angwan Gata, Angwan Sankwai e Chenshi) nel distretto di Kaura, almeno 100 morti, molti di essi bruciati vivi intrappolate nelle loro case date alle fiamme - foto
  • 6 aprile - Buna Gari, 17 uccisi - foto
  • 14 aprile - oltre 70 trucidati nel villaggio di Amchaka dato alle fiamme - foto
  • 14 aprile - Abuja (la capitale della Nigeria). Bombe islamiste nella stazione degli autobus .. 71 morti e 123 feriti - foto
  • 15 aprile - In un istituto scolastico femminile a Chibok nello Stato di Borno vengono rapite circa 200 ragazze e portate nella foresta. Bruciata la scuola assieme ad un centinaio di abitazioni - foto
  • 17 aprile - Si diffonde la notizia che l'esercito avrebbe liberato gran parte delle studentesse rapite. Purtroppo la notizia si rileva subito falsa, forse diffusa ad arte per permettere la fuga agli integralisti islamici che le avevano rapite. Sono 129 le studentesse ancora nelle mani Boko Haram.
Continua a leggere la cronologia eventi in aggiornamento continuo a partire dalla chiusura di questo articolo

Tutto questo nell'indifferenza del mondo occidentale, e nella totale "sottovalutazione" delle istituzioni internazionali.

Il mondo non può permettere che questo Islam continui ad uccidere i cristiani.

Raro Video che riprende milizie di Boko Haram mentre stanno per attaccare un villaggio nello Stato di Borno

Leggi anche

Questo articolo fa parte delle
di Foundation for Africa



Articolo curato e scritto da


Commenti

Post popolari in questo blog

Le Strade del Sesso. Ardea e Pomezia, il degrado alla luce del sole

Via Ardeatina , Via di Valle Caia , Santa Palomba , quando la decenza non ha più limiti. Degrado, prostituzione, oscenità impunita . Continua il nostro racconto sulle "Strade del Sesso " in Italia. C’è di tutto su alcune strade del territorio , una vita che scorre parallela, dove sembra che le regole del vivere comune non esistano, una sorta di zona “ franca ” dove vale tutto e si può tutto. Lo scenario che è davvero deprimente. Sono le vie del sesso del territorio di Pomezia e Ardea, alle porte di Roma . Degrado e impunità, è la terra di nessuno Un senso del pudore inesistente , ragazze praticamente nude in mezzo alla strada , atti sessuali tra le abitazioni anche in pieno giorno . Una vera e propria terra di nessuno. Si trova di tutto. Le zone sembrano esser ben ripartite tra prostitute . Quelle di nazionalità rumena, che stazionano lungo la Via Ardeatina, quelle dell'est (bulgare, ucraine, moldave), che “ hanno ” gli spazi che ricadono sotto il

Quello che nessuno osa dire di Maometto

Sono molto orgogliosa di essere definita " razzista " perché NON amo l'Islam Non odio i mussulmani in quanto persone , poveretti sono nati semplicemente in un posto sbagliato, in mezzo ad una cultura intrisa di Islam, non hanno colpe. Ma non capisco coloro che si convertono all' Islam da grandi. Semplicemente inconcepibile, come Silvia Romano , convertita nella religione di chi la rapì. Fatevi qualche domanda , tra tutte le religioni al mondo l' Islam è l'unica che nasce dall'oggi al domani per " ispirazione " di un certo Maometto . Si dice che il Corano non lo scrisse nemmeno lui, il Profeta, ( alcuni pensano, anche in ambienti islamici, che era pure analfabeta ), ma lo dettò ai suoi seguaci, e la stesura definitiva fu scritta da " qualcuno " dopo la sua morte. Ma chi era Maometto Perfino Dante lo colloca all'Inferno (Canto XXVIII) Tra i commenti dei miei post c'è sempre qualcuno che mi definisce " ra

La Convenzione di Ginevra compie 70 anni

L'anniversario sul trattato a difesa dei diritti del " Rifugiato " Uno dei trattati più sottoscritti a livello internazionale Definisce chi è un rifugiato e i diritti dei singoli che hanno ottenuto l'asilo e le responsabilità delle nazioni. A fine 2020 erano quasi 21 milioni i rifugiati nel mondo. Compie 70 anni . La Convenzione sui rifugiati, fondamentale strumento giuridico internazionale a difesa di chi fugge da persecuzioni, discriminazioni, violenze, guerre e che chiede asilo in un altro paese, è stata approvata in una speciale conferenza delle Nazioni Unite, tenuta a Ginevra il 28 luglio 1951 . Anche se entrerà in vigore il 22 aprile del 1954. Ad oggi gli stati firmatari della Convenzione sono 149 , rendendola uno dei trattati internazionali più sottoscritti. È un trattato multilaterale dell’Onu che definisce chi è un rifugiato e i diritti dei singoli che hanno ottenuto l’asilo e le responsabilità delle nazioni che garantiscono l’asilo medesimo. «