lunedì 10 marzo 2014

11-M Madrid, Atocha 11 marzo 2004. Io c'ero

Quel giorno ad Atocha, Madrid
Il giorno 11 marzo 2004 a Madrid si consumò una delle tragedie più devastanti nella storia della Spagna. Attentati terroristici di matrice islamica colpirono i treni locali (le così dette Cercanìas de Madrid) tra le 6.45 e le 7.40 di quel mattino, proprio nell'ora di punta, alcune bombe scoppiarono sui treni in tre stazioni Atocha, El Pozo, Sant'Eugenia - leggi -

Quelle bombe provocarono 191 morti e 2.057 feriti. I danni più gravi avvennero proprio nella stazione di Atocha, che è quella principale, è il punto di arrivo e di partenza di tutti i treni locali della città di Madrid.

Davanti alla Stazione
di Atocha, Madrid
Foto giugno 2005
Io c'ero. Per chi conosce la mia storia personale sa che tra il 1999 e il 2006 ho vissuto in Spagna. Alla fine del 2003, proprio a Madrid e proprio ad Atocha, si concluse uno dei periodi più tristi della mia vita - leggi -

Già alla fine del 2003 vivevo da un'amica (nigeriana come me) nella cittadina di Alcalà de Henares a circa una trentina di chilometri da Madrid. Alcalà de Henares è servita da questi treni locali, le Cercanìas de Madrid, che hanno proprio come stazione finale Atocha. E io quel treno lo prendevo di frequente, quasi quotidianamente per recarmi a Madrid.

Dopo un lungo periodo di schiavitù, mi sentivo finalmente libera e quel treno, così comodo, mi dava proprio la libertà di muovermi ovunque volessi.

Anche quel giorno di dieci anni fa ricordo che avrei voluto prendere quel treno verso le undici, sarei arrivata ad Atocha e da lì poi avrei dovuto andare a comprare il pesce nel mercato che c'era (o forse c'è ancora) vicino alla Gran Via.

Quel giorno non me lo dimenticherò mai. Erano quasi le nove e io dormivo ancora, ma mi svegliò la mia amica e mi chiese subito di guardare la TV, e così seppi di quello che era successo. Sul treno che partiva da Alcalà de Henares proprio mentre stava entrando nella stazione di Atocha avevano messo una bomba che era scoppiata provocando molti morti. Era proprio il treno che avrei dovuto prendere io due ore dopo.

Poi venimmo a sapere di altre bombe e di altri treni. Fu un giorno terribile.

Atocha, Monumento alla Vittime
La stazione di Atocha e le altre stazioni colpite furono ricostruite quello stesso anno e il servizio dei treni venne ripristinato nei 10 giorni successivi. Quell'anno per mia fortuna venne eletto capo del governo spagnolo Zapatero, per mia fortuna perché io ero senza documenti e con Zapatero vennero attuate in Spagna politiche molto più permissive verso gli immigrati (come lo ero io in quel momento).

Quello stesso anno 2004 io incontrai il mio amore che venne a trovarmi (da Udine in modo avventuroso dopo duemila chilometri in macchina) a Madrid in agosto, e io andai ad abitare a Parla (una cittadina nella periferia sud di Madrid) in una casa più bella. Due anni dopo, nell'ottobre del 2006 mi sono sposata, proprio a Parla.

Da quell'11 marzo 2004 sono passati 10 anni, molte cose sono cambiate, per me, per la Spagna, per il Mondo .. ma è necessario NON dimenticare mai che l'Islam brutale e vigliacco ha ucciso anche in Europa, bambini e donne, uomini innocenti che quel giorno a Madrid volevano solo andare a lavorare.

Il 31 ottobre del 2007 una sentenza condannò 7 persone considerati gli ideatori e gli esecutori materiali di quegli attentati, due di loro vennero condannati a 42.924 anni di carcere - leggi -


Articolo scritto da


Nessun commento:

Posta un commento

Ci è sempre gradito un tuo commento. Grazie