sabato 8 febbraio 2014

La Carta di Lampedusa, grave errore aver dimenticato le vittime della tratta

Foundation for Africa dice No alla Carta di Lampedusa
Per tre giorni, dal 31 gennaio al 2 febbraio scorsi, l'isola di Lampedusa è stata pacificamente invasa da circa trecento persone provenienti da diversi paesi e realtà dell'associazionismo nazionale e internazionale che si battono per i diritti dei migranti. L'occasione è stata quella della scrittura della Carta di Lampedusa, un documento per riaffermare i principi della Carta mondiale dei migranti redatta a Gorèe, piccola isola al largo di Dakar in Senegal, nel 2011.

Nelle intenzioni degli organizzatori, un nuovo inizio, uno spartiacque nato dalla necessità di confronto e produzione dal basso di alternative rispetto al modello della chiusura delle frontiere e della gestione dei flussi migratori.

Carta di Lampedusa .. A lanciare l'idea della Carta è stata l'associazione Melting Pot Europa che, all'indomani delle stragi del 3 e 11 ottobre scorso in cui diverse centinaia di persone annegarono a poche centinaia di metri dalle nostre coste, ha organizzato due assemblee on line con oltre 70 città collegate da tutto il mondo e ha redatto, attraverso lo strumento open source DokuWiki di Wikipedia, una bozza della Carta consultabile e correggibile da tutti durante le settimane precedenti all'incontro.

I Protagonisti .. L'incontro finale tra tutti i protagonisti che hanno redatto il documento definitivo della Carta di Lampedusa si è tenuto in un salone dell'aeroporto di Lampedusa nei giorni dal 31 gennaio al 2 febbraio vedi programma - I partecipanti sono stati studenti, ricercatori, giuristi, avvocati, giornalisti, e attivisti dell'associazionismo laico e cattolico.

Una parte degli incontri sono stati dedicati alle possibili applicazioni pratiche dei principi fondanti della Carta, delle possibili ricadute normative delle legislazioni dei paesi che sono sia parte passiva che attiva delle migrazioni.

L'ambizione della Carta di Lampedusa è che possa diventare un punto di riferimento globale e condiviso, plurale, nato dal basso e non imposto dall'alto, per nuove pratiche di inclusione e per la riaffermazione dei diritti fondamentali di ogni essere umano in viaggio.

Comunicato di Foundation for Africa .. La nostra associazione pur condividendo i principi e lo spirito che ha portato alla stesura del testo finale della Carta di Lampedusa, fa notare che NON sono state inserite le osservazioni delle associazioni che operano nel settore della tratta di esseri umani.

In particolare non si fa nessun riferimento alla mafie che gestiscono il traffico di esseri umani, NON una parola di condanna per i trafficanti di uomini, di donne e di bambini. NON una parola, inoltre, sul "Trafficking" che porta giovani donne nigeriane in Europa per poi ridurle in schiavitù.

Come ex vittime di questo traffico, come ex vittime di tratta, ci sentiamo escluse da un documento che avrebbe dovuto rappresentare tutto il mondo dell'associazionismo operante nel settore dei migranti.

Foundation for Africa quindi NON firmerà la Carta di Lampedusa. NOI non firmiamo.

La Carta di Lampedusa

La Carta di Lampedusa




Articolo scritto da

1 commento:

  1. Vorrei invitarvi a videoascoltare una mia videopoesia: Verso Lampedusa di Poetainazione.
    Un caro saluto a tutti coloro che sono sensibili a questo tema urgentissimo!

    RispondiElimina

Ci è sempre gradito un tuo commento. Grazie