martedì 13 gennaio 2015

Ecco perché diciamo "No all'Islam"

È indubbio che il mondo, tutto il mondo, vive un'epoca difficile, un'epoca di cambiamenti radicali. Dopo l'11 settembre 2001 il mondo non è più lo stesso, quel giorno l'Islam integralista ha dichiarato guerra all'occidente.

Punti fermi, innegabili e incontestabili
  • In questo preciso momento storico, ovunque nel mondo, dove ci sono guerre civili, gravi conflitti sociali e tensioni politiche l'Islam è coinvolto. Pensiamo alla Siria, alla Libia, al Medio Oriente, all'Afghanistan, all'Iraq, alla Somalia, alla Repubblica Centrafricana, alla Nigeria .. In tutti questi paesi sono coinvolti gruppi islamici integralisti.
  • I recenti fatti di Parigi, l'Europa colpita al cuore l'Islam integralista, dimostrano a chiare lettere che i terroristi sono figli di questa Europa, sono cittadini europei e non sono venuti da chissà dove per uccidere .. E questo dimostra ancora una volta e ancora di più che con l'Islam NON ci può essere integrazione.
  • Lo Stato Islamico, il Califfato c'è, è stato proclamato, ed è stato proclamato in nome di Allah. In Siria, in Iraq, in Nigeria, in Libia e chi continua a dire che la religione non c'entra sta facendo un errore gravissimo. E di certo sono sotto gli occhi di tutti gli orrori compiuti nel così detto "Stato Islamico". Donne e ragazze rapite, stuprate, vendute come schiave, come metodo politico, e poi massacri e uccisioni indiscriminate, un vero e proprio genocidio.
  • In molti dicono che questo è solo terrorismo, e che questo non è l'Islam, non è il vero Islam. Dal nostro punto di osservazione possiamo solo affermare che se è vero che non tutti i mussulmani sono terroristi, è incontestabile il fatto che tutti i terroristi sono mussulmani.
  • Forse l'occidente non si sente in guerra contro l'Islam, ma di sicuro un certo Islam si sente in guerra con l'occidente, e io non intendo stare a guardare chi mi vorrebbe uccidere, senza lottare.
L'Islam, in quanto religione, non è un cancro. Ma il cancro c'è dentro l'Islam, ed è il cancro dell'integralismo religioso, e questo male lo può curare solo l'Islam con i suoi anticorpi, e lo deve fare subito perché, come si è visto in Nigeria e in Iraq, l'Islam integralista uccide anche l'Islam moderato.

La strage di Baga
Nigeria .. Chi vi scrive ha vissuto in Nigeria, nella Nigeria del Sud fino a venti anni, laggiù ho ancora la mamma, due sorelle e la famiglia, è la stessa Nigeria di Boko Haram, è la stessa Nigeria dove solo pochi giorni fa si è compiuto uno dei più terribili massacri di sempre, duemila persone uccise, un'intera città distrutta, sedici villaggi rasi al suolo - leggi -, è quella stessa Nigeria dove dal 2009 l'Islam integralista uccide i cristiani.

Il mio percorso personale sull'Islam, nonostante sia una donna aperta, una donna di sinistra, nasce proprio dal fatto di essere una nigeriana che all'inizio diceva "NO alla persecuzione dei Cristiani in Nigeria e nel Mondo" perché anch'io 5 anni fa pensavo che questo non era il vero Islam, ma che oggi è costretta a dire semplicemente "No all'Islam". È un percorso che ho maturato non solo per i fatti della mia Nigeria, ma per tutto quello sta accadendo nel mondo e soprattutto perché mi sono presa in mano il Corano e l'ho studiato - leggi -.

Donne islamiche a Raqqa (Capitale Stato Islamico, Siria)
Il Corano non è un libro di pace .. e il Corano è il libro di tutto l'Islam, sia dell'Islam integralista che dell'Islam moderato, è identico per tutti.

Certo, qualcuno potrà obiettare che il Corano va interpretato, va filtrato, che è necessario capire il contesto. Ebbene allora partiamo dall'inizio.

La Bibbia degli Ebrei e dei Cristiani è un libro prevalentemente "storico", racconta fatti realmente accaduti, o di profeti che raccontano fatti che poi si sono verificati realmente (profezie), è un libro di preghiere (vedi i Salmi). Il Vangelo, testo sacro per tutti i cristiani e per i cattolici, è invece un libro "biografico", racconta semplicemente la biografia di Gesù Cristo, anche se filtrata attraverso gli occhi della fede, e molti fatti narrati nel Vangelo sono stati anche dimostrati come realmente accaduti dagli storici.

Questo in premessa per dire che, mentre i testi sacri dei cristiani sono libri prevalentemente "storici", in un certo senso dimostrabili dagli eventi, il Corano, testo sacro per i mussulmani, è invece un libro "ispirato". Il profeta Maometto lo scrisse infatti sotto dettatura di Allah (così dice lui stesso, e cosa impossibile da verificare), ma soprattutto il Corano NON è un libro di "mediazione" perché tutto ciò che in esso è scritto pretende di essere l'unica verità, il Corano NON ammette nient'altro che Allah, NON ammette altre religioni, altri modi di pensare e di vivere, NON ammette una società diversa da ciò che descrive.

Posso anche affermare che:
  • Il Dio della Bibbia è un Dio di Giustizia,
  • Il Dio del Vangelo è il Dio del Perdono e dell'Amore,
  • Il Dio del Corano è il Dio della Vendetta.
Ecco alcuni versetti del Corano che legittimano l'uccisione degli ebrei, dei cristiani, degli infedeli, dei miscredenti e degli idolatri:
  • Instillerò il terrore nel cuore degli infedeli; colpiteli sul collo e recidete loro la punta delle dita. I miscredenti avranno il castigo del fuoco. Non siete voi che li avete uccisi: è Allah che li ha uccisi (Sura 8:12-17)
  • La ricompensa di coloro che fanno la guerra ad Allah e al suo messaggero e che seminano la corruzione sulla terra, è che siano uccisi o crocefissi, che siano loro tagliate la mano e la gamba da lati opposti o che siano esiliati sulla terra: ecco l'ignominia che li toccherà in questa vita; nell'altra vita avranno castigo immenso (Sura 5:33)
  • Uccidete gli infedeli ovunque li incontriate. Questa è la ricompensa dei miscredenti (Sura 2:191)
  • Quando incontrate gli infedeli uccideteli con grande spargimento di sangue e stringete forte le catene dei suoi prigionieri (Sura 47:4)
  • O voi che credete! Se non vi lancerete nella lotta, Allah vi castigherà con doloroso castigo e vi sostituirà con un altro popolo, mentre voi non potete nuocergli in nessun modo (Sura 9:39)
  • Gli ipocriti e i miscredenti siano maledetti! Ovunque li si troverà saranno presi e messi a morte (Sura 33:61)
  • Combattete coloro che non credono in Allah e nell'ultimo giorno, che non vietano quello che Allah e il suo messaggero hanno vietato, e quelli, tra la gente della scrittura, che non scelgono la religione della verità siano soggiogati. Dicono i giudei: "Esdra è figlio di Allah"; e i cristiani dicono: "Il Messia è figlio di Allah". Questo è ciò che esce dalle loro bocche. Li annienti Allah perché sono fuorviati (Sura 9:29-30)
  • Profeta, incita i credenti alla lotta. Venti di voi, pazienti, ne domineranno duecento e cento di voi avranno il sopravvento su mille miscredenti (Sura 8:65)
  • Quando poi saranno trascorsi i mesi sacri uccidete gli idolatri dovunque li troviate, prendeteli, circondateli, catturateli ovunque in imboscate! Se poi si convertono e compiono la preghiera e pagano la decima, lasciateli andare (Sura 9:5)
Il Corano non è un libro di pace. È un testo che legittima e istiga all'odio, alla violenza e alla morte dei non mussulmani. È la fonte principale dell'ideologia che anima i terroristi islamici.

L'Islam e le donne .. Le donne vanno picchiate, ma senza lasciare tracce, lo legittima l'Islam (lo ha detto in un dibattito televisivo l'Imam della moschea di Segrate, Ali Abu Shwaima).
  • Si ricorre all'atto di picchiarla, senza violenza, senza provocarle una frattura, o lasciarle tracce, evitando sempre danni al viso: lo scopo essendo di ristabilire la disciplina e di non fare del male o provocare danni, ma di farle capire che la sua insubordinazione è inammissibile.
  • La donna deve lavorare in compagnia di donne come lei, lontano dalla promiscuità e dalla presenza maschile per non rischiare di diventare la preda di lupi che possono abusare di lei e calpestare la sua dignità e il suo onore.
  • La poligamia costituisce una legislazione divina che ogni fedele deve considerare come tale e non contraddire.
  • Il divorzio spetta solo all'uomo perché la situazione dell'uomo naturalmente e logicamente gli permette di avere l'ultima parola in materia coniugale.
  • L'Islam vieta alla donna di mettersi in viaggio da sola, senza che sia accompagnata da un parente vicino come il marito, il fratello, il padre o un altro parente con il quale è vietato il matrimonio.
Il Corano legittima e ordina di picchiare e sottomettere le mogli .. "Gli uomini sono preposti alle donne, a causa della preferenza che Allah concede agli uni rispetto alle altre e perché spendono (per esse) i loro beni. Le (donne) virtuose sono le devote, che proteggono nel segreto quello che Allah ha preservato. Ammonite quelle di cui temete l'insubordinazione, lasciatele sole nei loro letti, battetele. Se poi vi obbediscono, non fate più nulla contro di esse" (Sura 4:34)

Nel Corano si legittima il rapporto sessuale con le donne schiave:
  • (Vi sono vietate) tra tutte le donne, quelle maritate, a meno che non siano vostre schiave (IV, 24)
  • E chi non avesse i mezzi per sposare donne credenti libere, scelga moglie tra le schiave nubili e credenti (IV, 25)
Nel mese di dicembre nel Califfato islamico Isis è stato diffuso un decreto nel quale si legittima i rapporti sessuali con le "bambine" non mussulmane fatte schiave, così come si legittima la loro compra-vendita. Il testo è tutto improntato a spiegare che questa pratica è giustificata anche dal Corano .. "Se è vergine, il proprietario può avere rapporti, se non è vergine il suo utero deve essere purificato, ovvero bisogna attendere le mestruazioni per essere certi che non sia incinta" - leggi -

Secondo l'Islam ci sono due categorie di donne, quelle haraam (parola che in arabo significa peccato, tutto ciò che è proibito da Allah) e quelle makrooh (colei che obbedisce e fa la volontà di Allah). Le donne haraam vanno quindi punite e purificate perché disubbidienti, quelle makrooh sono donne ubbidienti e in silenzio si sottomettono alla volontà di Allah. Tutte le donne quindi devono aspirare a diventare "makrooh".

L'Islam e il Corano giustificano quindi la sottomissione delle donne, i rapporti sessuali con le bambine (pedofilia), la riduzione in schiavitù, la poligamia, il maltrattamento e i matrimoni combinati.

Maometto, il profeta, NON era un santo .. Maometto sposò una bambina di sei anni, Aisha, e consumò il matrimonio quando lei aveva nove anni. Fu la moglie prediletta del profeta, figlia del suo miglior amico, Abu Bakr, che divenne il suo primo successore alla sua morte avvenuta nel 632 d.C.

Ai giorni nostri fare sesso con una bambina di nove anni significa "pedofilia" e sposare una bambina di sei significa "matrimonio combinato".

Nel 627 d.C. Maometto partecipò di persona alla decapitazione di circa 800 ebrei della tribù dei Banu Qurayza alle porte di Medina in Arabia Saudita, e questo al giorno d'oggi lo definiremo massacro, e il comportamento di Maometto (in quell'occasione) non è stato molto diverso dai miliziani di Boko Haram che oggi uccidono i cristiani in Nigeria e dei miliziani dell'Isis che oggi decapitano gli yazidi in Iraq.

Anche i Cristiani .. Se è vero che in passato anche i cristiani hanno ucciso, vedi le crociate, o attuato una sorta di cristianesimo integrale, vedi l'inquisizione medioevale, è anche vero che OGGI nessun cristiano uccide più in nome di Dio, forse solo qualche pazzo, né i cristiani di varie fedi, né i cattolici, né gli ebrei, né gli ortodossi, né i buddisti. Tutte queste religioni hanno fatto un percorso storico, hanno saputo riconoscere gli eventuali errori del passato. L'Islam NO.

Per ricordare infine a tutti che l'Islam è l'unica religione monoteista a non avere un capo religioso riconosciuto da tutti i mussulmani a livello mondiale che possa "moderare" possibili diverse interpretazioni della "Sacra Scrittura". L'Islam non ha gerarchie e così qualsiasi predicatore (Imam) può forgiare la sacra scrittura a suo immagine, secondo esigenze politiche, sociali e culturali del momento.

Tanto per capirci meglio, nell'Islam non c'è una figura come lo è, per esempio, il Papa per i cattolici, o il Dalai Lama per i buddisti.

Stato Islamico
Donne yazide catturate e rese schiave
All'interno del mondo islamico OGGI ci sono centinaia di migliaia di uomini, giovani e perfino donne pronte ad uccidere in nome di un Dio che si chiama Allah, ci sono scuole coraniche, luoghi di culto e moschee che predicano odio contro gli infedeli, che giustificano gli orrori e i massacri, che giustificano la schiavitù, e la compra-vendita di donne e bambine, negare tutto questo è negare l'evidenza dei fatti, è negare un fatto che è sotto gli occhi di tutti.


E il mondo occidentale che dice che questo NON è il vero Islam, che è solo terrorismo, è una società votata al suicidio, che pur di amare a tutti i costi arriva ad odiare se stessa .. e l'Europa forgiata a una storia millenaria di libertà, giustizia, e uguaglianza, se continua a negare che l'integralismo non è l'Islam resterà indifesa il giorno in cui i fatti di Parigi diventeranno i fatti di centinaia di città in Europa.

In tutti i paesi mussulmani, anche quelli moderati, le leggi, la politica, le società, sono plasmati sul Corano, a volte in maniera blanda, altre volte in maniera decisamente più marcata, fino ad arrivare a quelli in cui l'unica legge è quella della "Sharia", ovvero l'applicazione integrale del Corano, e questo senza arrivare al Califfato.

La concezione di "Stato Laico" nel mondo islamico non esiste, e il fallimento delle così dette "primavere arabe" del 2011 e del 2012 ne è la dimostrazione. Ad onor del vero la sola Tunisia si è data una costituzione laica lo scorso anno, è ancora una costituzione giovane ma è comunque una speranza.

Integrazione .. Basta pretese di nuove moschee quando l'Islam distrugge chiese ovunque nel mondo, basta alla falsa integrazione, anche nelle piccole cose. Se il mussulmano vuole vivere in Europa deve accettare i crocefissi nelle scuole dei loro figli, deve accettare la carne di maiale nelle mense scolastiche, deve accettare le insegnati donne, deve accettare il presepio a Natale nei luoghi pubblici, deve accettare le messe dei cattolici, deve rispettare le sue donne, no alla bigamia, no alle spose bambine, no ai matrimoni combinati.

Differenze tra Maometto e Gesù
Maometto
Gesù
Ha avuto successo nel mondo, è una figura vincente nel nome di Allah. Ha avuto mogli, ricchezze, potere, imperi. Si pone come una figura-religione-Dio vincente nel mondo e nella storia
Non ha avuto successo nel mondo. È una figura perdente nel nome di Allah
Dio è talmente distante dall'uomo che la comunione con Lui non è possibile. Il Paradiso che Allah prepara per l'uomo è un paradiso di benessere mondano
Dona la comunione di vita con Dio per  partecipare al suo Regno che è in questo mondo ma non è di questo mondo, è di "altri mondi". Solo l'anima può accorgersene
Il Regno di Allah nel mondo si manifesta come successo nel mondo
Chi ama questo mondo non è in
comunione con Dio (1Gv)

Questo articolo fa parte della nostra campagna di sensibilizzazione per dire NO alla persecuzione dei cristiani in Nigeria e ovunque nel mondo, e per dire NO all'Islam integralista.


Articolo curato da

Questo articolo nella nostra "Biblioteca On Line"



L'Islam è come un gigantesco amplesso dove "godono" solo i vigliacchi che non hanno nessun rispetto per la vita umana e per le donne. Dove sanno solo masturbarsi gli "idioti" cristiani che porgono l'altra guancia e i "pervertiti" comunisti che continuano ad accogliere il "fango" mussulmano che nel mondo uccide
(Maris, mer 12 ott 2016)


1 commento:

Ci è sempre gradito un tuo commento. Grazie