Post

Visualizzazione dei post da Novembre, 2019

In Italia una donna uccisa ogni 72 ore. Ecco perché è importante il 25 novembre

Immagine
La Giornata mondiale contro la violenza sulle donne, fissata dalle Nazioni Unite, rappresenta il momento più importante dell'anno per parlare, informare e sensibilizzare su un problema così grave Quasi 7 milioni di donne in Italia hanno subìto violenza fisica o sessuale nel corso della vita , una su tre ; per quasi 3 milioni l'abuso è perpetrato dal partner o dall'ex. Nel 2018 le vittime di femminicidio sono state 142 , un numero in crescita rispetto all'anno precedente, e 94 quelle registrate nei primi dieci mesi del 2019 ( fonte: Istat ). Ogni 72 ore , nel nostro Paese, una donna viene uccisa da una persona di sua conoscenza e tre femminicidi su quattro avvengono in casa . La Giornata mondiale contro la violenza sulle donne , fissata dalle Nazioni Unite il 25 novembre , rappresenta il momento più importante dell'anno per parlare, informare e sensibilizzare su un problema così grave. La chiusura dei centri anti-violenza Il quadro assume

Ciao Silvia, è passato un anno da quando ti hanno rapita

Immagine
Ciao Silvia , non mi sono mai dimenticata, neppure un giorno, di te. Ti penso spesso e a volte piango , penso ai tuoi genitori, ai tuoi amici, a chi ti conosceva e ti voleva bene, penso alla loro sofferenza. Noi non perderemo mai la speranza di rivedere il tuo sorriso , chiedo anche a te di essere forte, so che sei forte. Un grande abbraccio da tutti noi di Foundation for Africa . Oggi ricorre il primo anniversario del tuo rapimento . I tuoi 24 anni, la tua laurea con una tesi sulla tratta degli esseri umani, da dodici mesi sei nelle mani di un gruppo armato, qui pensano che siamo gli Al-Shabaab somali. Quel triste giorno ti trovavi in Kenya per conto della Onlus Africa Milele per fare del bene ai bambini dell'Africa, con il tuo entusiasmo, con la tua giovane età. Chi ti abbia rapita e per quale ragione ancora non si sa esattamente . Di te si sono perse le tracce, probabilmente ti hanno portata in Somalia dove ti tengono prigioniera. C'è chi indaga su ciò che ti è a