lunedì 10 giugno 2019

Tratta delle nigeriane. Nadine, ex-schiava sessuale

Nadine. Così è stato sciolto il maleficio che mi rendeva schiava

Tratta delle Nigeriane. Progetto finanziato dall'Unione Europea




021695 021701 021685

Nadine, nome di fantasia, arriva dalla Nigeria. Come migliaia di altre ragazze è arrivata in Italia ed è finita in strada per colpa di aguzzini che l'hanno ridotta in schiavitù grazie a un rito juju, religione del popolo Edo in Nigeria. In base a questo rituale la vittima, con il ricatto di una maledizione per sé e la sua famiglia, viene legata a una 'mamam' (una donna che gestisce il suo lavoro e i suoi guadagni una volta arrivata in Europa) e costretta e darle i soldi guadagnati dalla prostituzione.

Ma nel 2018 qualcosa è cambiato: l'Oba Eware II, l'autorità più importante del culto juju, ha vietato ai sacerdoti di formulare questi rituali di giuramento.

Un evento passato quasi inosservato in Italia, ma che ha cambiato la vita di centinaia di donne costrette a prostituirsi per paura dei malefici. Tra queste c'è anche Nadine che ora sogna una vita diversa, lontana dal marciapiede.


021691 021693 021694

Nadine. Botte e fantasmi, le mie notti prima di liberarmi

Tratta delle Nigeriane. Progetto finanziato dall'Unione Europea






Articolo di
Maris Davis


Condividi su Facebook


Nessun commento:

Posta un commento

Ci è sempre gradito un tuo commento. Grazie