giovedì 11 agosto 2011

La Mafia Nigeriana in Italia. Indagini sulla condizione delle donne africane coinvolte in una rete di criminalità organizzata, la prostituzione e traffico di esseri umani.

Ogni anno decine di migliaia di donne africane dell'Africa sub-sahariana emigrano in Europa alla ricerca di una vita migliore. Ma per alcune di loro la ricerca si concluderà in tragedia, in quanto vittime di gang mafiose concorrenti che predano le speranze dei disperati. Nel sud Italia, sono le ragazze nigeriane che sono tra le più sfruttate, fino a finire intrappolate nel mondo da incubo del commercio del sesso e dalla Mafia Nigeriana.
Nella prima delle due relazioni speciali, Giuliana Ruhfus di Al Jazeera indaga sulla condizione delle donne africane intrappolate in una rete di criminalità organizzata, la prostituzione e il traffico di persone. Nel racconto seguente Chiara Caprio, una giornalista italiana che è stata coinvolta nella realizzazione del film, descrive quello che hanno scoperto nel sud Italia.
Il ghetto a destra del fiume Volturno, un insieme di case un tempo usate dai turisti napoletani, è circondata da fiori in quanto ospita il funerale di Maria Morad, un bimba di sette anni, del Ghana. È stata uccisa da un uomo con problemi psichiatrici. Ma a Castel Volturno, più di un terzo dei 25.000 cittadini ufficiali sono africani e, in particolare ghanesi e nigeriani.
Al Jazeera è venuta a studiare il fenomeno della criminalità organizzata nigeriana in questa piccola città, rapidamente dimenticata dopo i gravi disordini nel 2008, quando centinaia di africani sono scesi in strada per protestare contro il massacro di sei giovani ghanesi commessi da Giuseppe Setola, l'esercito dei clan dei Casalesi.
La famiglia di Maria è in attesa della bara e la tensione cresce e il ritardo fa aumentare la tensione. Bose Atta, la madre nigeriana di Maria, che è stata vittima della tratta (schiava sessuale) in Italia e costretta a prostituirsi, è nervosa. Piange come i suoi amici ed esprime la rabbia contro il padre di Maria, un uomo proveniente dal Ghana che è ora sposato con un'altra donna nigeriana. Infine, arriva la bara e un gruppo di uomini inizia a celebrare con un rito musulmano. Un corteo improvvisato verso il cimitero inizia sotto un sole caldo surriscaldato da una comunità africana tormentata.


Più forte che mai 

"La Domitiana di Castel Volturno attraversa per 28 chilometri", dice Stefano Ricciardiello, un detective della stazione di polizia locale, un piccolo ufficio e squallido sommerso da carte vecchie e nuove che coprono le storie di omicidi, rimpatri e la criminalità organizzata. "Le attività della nuova mafia africana hanno invaso tutto il territorio". Ci mostra le strade dove, una dopo l'altra, le donne nigeriane e ragazze sono in attesa di clienti. Secondo lo United Nations Interregional Crime Research Institute e la Giustizia (UNICRI), l'Italia ora è la destinazione principale per più di 10.000 prostitute nigeriane, vittime del traffico da Benin City a città europee e gli hub criminali, proprio come la Domitiana e la sua costa."Criminali nigeriani sono in grado di trovare accordi con tutte le mafie, dai colombiani ai cinese Ma è un gioco facile per loro in Italia anche per un altro motivo: l'elevato numero di clienti italiani che cercano prostitute notte e giorno", dice Giovanni Conzo, un pubblico ministero presso la sezione anti-mafia a Napoli."Questa organizzazione è più forte che mai. Dobbiamo fermarli prima che prendano il pieno controllo della nostra regione", aggiunge. Ma Conzo le parole da offrire solo un barlume di speranza.


Utilizzano il voodoo per spaventare

Isoke Aikpitanyi, ex vittima della tratta e ora il principale punto di riferimento per le donne nigeriane in Italia, sa quanto questo business è "importante" nella zona di Caserta. Mentre cammina nel centro storico di Castel Volturno, spiega: "Oggi in Italia ci sono quasi 10.000 madame, e ognuna ha il controllo di due o tre ragazze in media all'anno. "Le Madame sono la chiave, spiega. Esse sono le principali attrici in questo sfruttamento. Costringono le ragazze a prostituirsi e chiedere soldi per ripagare il debito. Lavorano con i "fratelli", uomini che si occupano del traffico fisicamente, e come le ragazze anche loro (in passato) costrette a prostituirsi. Ma il traffico di esseri umani dalla Nigeria è spesso associato con il contrabbando di droga e un uso distorto della tradizione religiosa. Le donne e le ragazze sono spesso costrette a sottoporsi ad un giuramento Juju rituale che li impegna a ripagare i soldi che devono a loro contrabbandieri, pena la morte (loro o di qualcuno della loro famiglia) o la follia "perpetua". "Il Juju, il rito voodoo, non è una cattiva pratica. È stato utilizzato per portare giustizia, ma hanno rovinato tutto", dice Isoke con rabbia. "A loro non importa il modo in cui fanno i loro soldi nella misura in cui lo fanno. Usano Juju (Il woodoo) solo asservire ai loro scopi". Anche in questo inferno, ci sono persone che cercano di non perdere la speranza. Suor Antonia, una suora nigeriana del Sacro Cuore di Gesù, ordine, gestisce un rifugio, la Casa Santa Maria dell'Accoglienza, lanciato nel 2000 nel centro Fernandes da Capua una base Caritas. Qui, più di 70 donne hanno trovato un posto dove stare e 10 bambini sono nati. "Siamo stati chiamati dal vescovo di Capua, mons. Bruno Schettino, per promuovere l'integrazione di queste ragazze". Sono tutte ex prostitute. Se vogliono cambiare la loro vita, sanno di trovare sempre un posto qui" dice Suor Antonia. Le donne possono soggiornare tra sei mesi e un anno, un periodo in cui dedicarsi all'istruzione e "guadagnare la loro dignità perduta", spiega suor Antonia. Le suore danno alle ragazze l'opportunità di scrivere le loro storie e spiegare cosa è successo e che li hanno costretti a prostituirsi. "Cerchiamo di far capire loro che Juju non avrà alcun effetto su di loro" dice. Ma abbiamo incontrato le ragazze che lavorano ancora nelle strade e credono negli accordi che hanno fatto. Alcune di loro devono ripagare i debiti fino a 58.000 $ e sono ancora terrorizzate delle conseguenze del potente Juju sulle loro famiglie e loro stesse.

Per vedere il Film Servizio "The Nigerian Connection" di Al Jazeera 
sulla Mafia Nigeriana a Castel Volturno - Agosto 2011
Dio dammi la forza di sopportare tutto questo male, e tu

Nessun commento:

Posta un commento

Ci è sempre gradito un tuo commento. Grazie